menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Zona rossa per le feste e visite a casa con solo 2 persone: regole per Natale e Capodanno

Giorni rossi e giorni arancioni, le regole per gli spostamenti, le deroghe e i nuovi limiti: le novità e tutte le restrizioni previste dal nuovo decreto

Zona rossa nelle giornate festive e prefestive del periodo natalizio e di Capodanno con bar, ristoranti e negozi chiusi e zona arancione nei giorni feriali. Spostamenti vietati se non per ragioni legate a necessità, lavoro e salute, ad eccezione della deroga per la visita a casa di due persone non conviventi, e coprifuoco dalle 22 alle 5. Nella serata di venerdì 18 dicembre il premier Giuseppe Conte ha presentato le misure per il contenimento del contagio previste nel nuovo decreto Natale e Capodanno approvato dal Consiglio dei Ministri valide per il periodo delle vacanze natalizie. Dal 21 dicembre al 6 gennaio sarà limitata la mobilità tra le regione e, come spiega il premier Conte, è stata disposta la zona rossa per tutto il territorio nazionale per i giorni festivi e pre-festivi.

"Le misure della divisione a zone hanno funzionato e ci hanno consentito di evitare il lockodwn generalizzato. Tant'è che nei prossimi giorni tutte le regioni potrebbero rientrare nell'area gialla. La situazione però rimane difficile e in tutta Europa. E tra i nostri esperti c'è forte preoccupazione che nel periodo natalizio la curva dei contagi possa subire un'impennata" ha detto il premier Giuseppe Conte presentando il decreto di Natale e Capodanno.

Natale e Capodanno: i nuovi divieti

L'Italia sarà rossa per tutti i festivi e prefestivi fino alla Befana, con i negozi, i bar e i ristoranti chiusi e il divieto di uscire da casa propria se non per motivi di lavoro e salute. Dopo giorni di discussioni, il governo vara la nuova stretta per evitare che i pranzi e le cene delle feste facciano da detonatore per una terza ondata a gennaio e febbraio. Le misure sono contenute in un decreto legge di 3 soli articoli che il Consiglio dei Ministri ha approvato dopo una lungo confronto all'interno del governo e con le Regioni. Stanziati 400 milioni per bar e ristoranti costretti a chiudere fino al 7 gennaio.

Dalla vigilia di Natale l'Italia sarà dunque in zona rossa. E ci resterà fino al 27 e poi nuovamente dal 31 dicembre al 3 gennaio e dal 5 al 6 gennaio. Il 28, 29 e 30 dicembre e il 4 gennaio il paese sarà invece tutto in zona arancione: ci si potrà spostare liberamente all'interno dei comuni e i negozi saranno aperti. 

"Disposta una zona rossa nazionale dal 24 dicembre al 6 gennaio nei giorni festivi e pre-festivi: il 24, 25, 26, 27, 31 dicembre, 1, 2, 3, 5 e 6 gennaio. Si esce di casa solo per ragioni di lavoro, necessità e salute. Possiamo ricevere fino a 2 persone non conviventi dalle 5 alle 22. L'idea di consentire lo spostamento di due persone alla volta è stata presa "per consentire quel minimo di socialità che si addice a questo periodo. Fino alle 22 sono possibili le funzioni religiose. Per venire incontro a comuni fino a 5000 abitanti fino a 30 km ma non nei capoluoghi di provincia. Rimangono chiusi bar e ristoranti tranne che per asporto e consegne a domicilio.  I negozi saranno aperti fino alle 21".

"L'intero territorio nazionale sarà zona arancione nei giorni feriali, cioè il 28, 29, 30 dicembre e 4 gennaio".

E ancora riguardo alla deroga per gli spostamenti connessi alle visite a casa di due persone non conviventi il premier ha chiarito:

"Un sistema liberal democratico non manda la politiza in casa a controllare cosa stanno facendo nelle abitazioni a meno che non ci sia una flagranza di reato. Non entriamo nelle case. Il divieto, quando avrete la bontà di leggere il decreto, è stato concepito come limite alla circolazione - ha chiarito il premier Giuseppe Conte - Siamo in zona rossa, interveniamo con un inasprimento, si esce con l'autocertificazione in tutti questi giorni di festività. Allora per compensare introduciamo un piccolo contemperamento: chi circola per strada dichiarerà dove va, se va in un'abitazione si potrà verificare dopo".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MonzaToday è in caricamento