menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coronavirus, ecco i divieti che resteranno in vigore anche dopo il 3 giugno

Dal divieto di assembramenti all'obbligo di mascherina

Dal 3 giugno, salvo decisioni dell'ultima ora legate all'analisi dell'andamento epidemico, non ci sarà più il limite del confine regionale per gli spostamenti. Come riporta Today.it, non è chiaro se, come auspicato ieri dal governatore del Veneto Zaia, l’esecutivo interverrà con un nuovo dpcm per interrompere il blocco che comunque scadrebbe a mezzanotte del 2 giugno. Certo è che a partire da mercoledì cadrà anche l’ultimo paletto alla libera circolazione delle persone all’interno del territorio nazionale. L’addio all’autocertificazione però non significa che ci si potrà comportare come se il Covid non sia mai esistito.

Insomma, riacquisteremo un altro pezzettino della nostra libertà, ma anche questa volta non sarà un "liberi tutti".  Salvo sorprese resteranno dunque in piedi alcuni dei paletti introdotti con i precedenti dpcm per contenere l’epidemia.

Diveto di assembramenti

Il più importante resta quello del divieto di assembramenti: sia nei luoghi chiusi che all’aperto sarà obbligatorio rispettare la distanza di sicurezza di almeno un metro (due metri se stiamo facendo attività sportiva). 

In Lombardia mascherine (almeno) fino al 14 giugno

In Lombardia, con la nuova ordinanza firmata venerdì sera dal governatore Attilio Fontana, l'obbligo di indossare la mascherina o coprire le vie respiratorie resta in vigore fino al prossimo 14 giugno anche all'aperto. 

No ai contatti ravvicinati

Restano banditi anche baci, abbracci e strette di mano con i non “congiunti”. I contatti fisici ovviamente andranno evitati anche con chiunque non sia un nostro convivente. Nei negozi e nei ristoranti non si potrà rifiutare di fornire le proprie generalità se richiesto (la misura serve per il contact tracing).

Luoghi pubblici e attività commerciali

E ancora: chi vuole fare il suo ingresso in un luogo pubblico non potrà esimersi dalla misurazione della temperatura laddove richiesto. Per quanto riguarda attività commerciali, spiagge, ristoranti, bar, negozi bisogna far riferimento agli specifici protocolli messi a punto dall’Inail. Da parrucchiere ad esempio resta l’obbligo della prenotazione e bisognerà indossare la mascherina fatta eccezione per il "tempo necessario per effettuare i trattamenti che non lo rendano possibile".

Spettacoli ed eventi, tutto fermo (almeno fino al 14 giugno)

Ovviamente restano vietate tutte le manifestazioni ludiche che prevedono assembramenti. Come previsto dall’ultimo dpcm, gli spettacoli aperti al pubblico in sale teatrali, sale da concerto, sale cinematografiche e in altri spazi anche all'aperto restano sospesi fino al 14 giugno 2020 (ma non è affatto esclusa una ulteriore proroga). “Dal 15 giugno 2020 – si legge nel testo del decreto -, detti spettacoli saranno svolti con posti a sedere preassegnati e distanziati e a condizione che sia comunque assicurato il rispetto della distanza interpersonale di almeno un metro sia per il personale, sia per gli spettatori, con il numero massimo di 1000 spettatori per spettacoli all'aperto e di 200 persone per spettacoli in luoghi chiusi, per ogni singola sala”.

L’obbligo di quarantena

Rimane infine l'obbligo di rimanere presso il proprio domicilio per chi è in quarantena e per chi ha un'infezione respiratoria con febbre superiore ai 37,5 gradi.  Insomma, dal 3 giugno si potrà fare quasi tutto, ma bisognerà farlo con criterio. La normalità è ancora lontana.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Besana Brianza, in coda per il vaccino c'è Maurizio Vandelli

Attualità

Il supermercato alle porte della Brianza dove 'si fa la spesa gratis'

Coronavirus

Per la Lombardia sarà l'ultima settimana in zona arancione?

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Come funziona la truffa del pacco (e come difendersi)

  • Economia

    Validità e regole per il bonus vacanze 2021

Torna su

Canali

MonzaToday è in caricamento