"Ti ho vista piangere, in silenzio", la commovente lettera alla moglie infermiera nel giorno del suo compleanno

"Ogni giorno in trincea contro il male impalpabile che ci ha allontanato dai nostri affetti, che ha scacciato i bimbi dai parchi fioriti, che ha fatto piombare sulle nostre città un silenzio irreale, sinistro, spettrale" scrive Marco Trovato nella lettera alla moglie Sarah

Personale sanitario in ospedale - Foto repertorio

Il regalo è essere a casa, avvolta dal calore degli affetti. Anche se mancano gli abbracci. Un compleanno diverso, difficile, "a distanza" a causa delle precauzioni legate alla prevenzione del contagio che anche in famiglia vengono rispettate.

La lontananza però la si vince con le parole: quelle vere, sincere, profonde. Quelle che Marco Trovato, giornalista direttore della rivista Africa, ha scelto di dedicare per il suo compleanno alla moglie Sarah, infermiera al Pronto Soccorso dell'ospedale di Vimercate, impegnata in prima linea a combattere la lotta contro il virus che sta uccidendo migliaia di persone e stravolgendo la vita di tutti.

Parole per abbracciare la compagna, per starle accanto in momenti così difficili dove anche festeggiare una ricorrenza è diventato complicato. Frasi che arrivano dritte al cuore di molte altre famiglie coinvolte in prima linea nell'emergenza sanitaria: mogli, figli e mariti di migliaia di infermieri e medici che ogni giorno indossano mascherine, tute e guanti protettivi per cercare di salvare altre vite, chiudendo fuori per giorni e notti interi la loro. Soffocando nel silenzio i pianti e la paura che anche dietro tanti occhiali protettivi si cela.

Ti ho vista tornare a casa, stremata e sconvolta, dopo un’interminabile giornata di lavoro. Il volto scavato dalla fatica, il sorriso tirato, gli occhi lucidi, lo sguardo velato da un’ombra ineffabile. Addosso i segni della mascherina e degli occhiali protettivi. Poca voglia di parlare. Solo il desiderio di una doccia calda: per sciogliere la tensione, far scivolare via i cattivi pensieri, lavare le ferite della lunga battaglia. L’ennesima.

Ti ho vista piangere, in silenzio. Avrei voluto stringerti forte per consolarti e incoraggiarti. Avrei voluto prenderti tra le braccia per scaldarti in questi freddi giorni di primavera. Se solo avessi potuto. Nemmeno una carezza, dannazione, per alleviare la tua sofferenza.

Non mi è restato che ascoltarti. Un filo di voce incerta che man mano cresceva fino a diventare un fiume in piena: di emozioni e di rabbia. Parlavi e mi guardavi per assicurarti che capissi fino in fondo: quello stesso sguardo con cui, quando ero bambino, mi osservavano i partigiani sopravvissuti alla guerra, mentre io ascoltavo incredulo i loro racconti.

"Domenica è stato il compleanno di mia moglie e l'impossibilità di uscire per comprarle un regalo mi ha portato a scriverle questa lettera che poi le ho consegnato" spiega Marco Trovato, 47 anni, che insieme alla moglie, infermiera da venticinque anni, e al figlio vive a Oreno, frazione di Vimercate.

"L'ho vista molto provata ultimamente, come accade per molti suoi colleghi, e ho deciso di mettere nero su bianco ciò che provavo, tutti quei sentimenti che difficilmente si riescono a esprimere vista la situazione e alle distanze a causa delle imposizioni legate al rischio del contagio". Parole dolci, sincere che nonostante siano scritte per la sua Sarah rispecchiano quello che vivono molte altre famiglie.

"Ho deciso di renderla pubblica per condividere il mio stato d'animo con quello vissuto da tante altre famiglie che stanno affrontando una situazione simile. Ho avuto l'impressione che questo peso, una volta condiviso, è diventato un fardello un po' più sopportabile grazie alla consapevolezza di non essere i soli a vivere queste difficoltà". 

Anche questa, a ben guardare, è una guerra. Una strana guerra con un nemico invisibile ai più. Non a te. Tu lo vedi ogni giorno assieme ai tuoi colleghi e compagni di lavoro impegnati ad affrontare l’emergenza, in prima linea.
Ogni giorno in trincea contro il male impalpabile che ci ha allontanato dai nostri affetti, che ha scacciato i bimbi dai parchi fioriti, che ha fatto piombare sulle nostre città un silenzio irreale, sinistro, spettrale.

La minaccia oscura che ha lacerato le famiglie, che ha sconvolto ogni programma, che ha frantumato le certezze, che d’un tratto ci ha fatto sentire fragili e vulnerabili, insinuando il terrore nelle nostre vite. Il virus che toglie il respiro, quel flebile soffio di speranza che svanisce come una candela nella notte.

Migliaia di innocenti soffocano nella solitudine. Si spengono senza il conforto dei propri cari. Senza un gesto di pietà, un estremo saluto. Manco un funerale. Solo voi, con la vostra compassione, ad accompagnarli in questa pena.

Voi che vedete la forza distruttrice crescere come un mostro. Vedete le sue vittime, sofferenti e talvolta agonizzanti, ogni giorno più numerose, che chiedono il vostro aiuto. Sentite addosso lo sconforto e il timore di esserne sopraffatti. Ma non mollate.

Vi chiamano “eroi”, “angeli”. E, certo, meritate gratitudine e plausi. Ma siete donne e uomini che fanno il proprio mestiere. Come sempre. Solo che oggi la gente si accorge di quanto sia importante, prezioso. Vitale. E chissà se lo terrà a mente quando la tempesta sarà passata e i giorni bui che stiamo vivendo saranno solo un lontano ricordo.

Io, ti prometto, non lo scorderò. Non scorderò il tuo viso esausto e tormentato, il peso dell’ansia che ti resta appiccicata addosso la notte, quando il tuo respiro si fa affannoso e i tuoi sonni agitati.
Vorrei allontanarti da questi incubi, portarti lontano da qui, su una spiaggia accarezzata dalle onde. Lo farò appena sarà possibile, quando tutto questo sarà finito. E il mare e il sole spazzeranno via ogni angoscia, ogni paura

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Orgoglioso di te

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente a Cinisello Balsamo, bimba di 4 anni investita da auto: soccorsa e portata al San Gerardo

  • Visite e tamponi post covid gratis in Lombardia: a Monza un solo nuovo caso

  • Auto rubate smontate in pausa pranzo e rivendute in un demolitore di Monza: 10 arresti

  • Aggredita insieme al suo volpino da due pitbull lasciati liberi: portata via in codice giallo

  • La cocaina in macelleria a Monza e il giro d'affari da 20mila euro a settimana: 12 arresti

  • Mascherine obbligatorie in Lombardia fino al 14 luglio: "Fa caldo, ma la indosso anche io"

Torna su
MonzaToday è in caricamento