rotate-mobile
Mercoledì, 26 Gennaio 2022
La decisione

La mascherina all'aperto potrebbe diventare obbligatoria in tutta Lombardia

Lo ha detto il governatore Fontana, nel frattempo la Regione è in bilico tra zona bianca e zona gialla

La mascherina all'aperto potrebbe diventare obbligatoria anche in zona bianca a Monza e in Lombardia. Il condizionale è d'obbligo ma l'ipotesi è tutt'altro che un tabù.

Nella giornata di martedì 21 dicembre il governatore Fontana, interpellato da SkyTg24, ha precisato che si tratta di un'idea abbastanza concreta. "È una misura a cui stiamo pensando anche se non credo sia così determinante, se la gente rispetta la regola, come sta facendo, di mettere la mascherina appena c’è un assembramento, e sempre al chiuso è chiaro che i casi in cui si può circolare senza mascherina sono quelli in cui si cammina da soli, è un’ipotesi abbastanza secondaria".

Nel frattempo non è chiaro se la Lombardia resterà ancora in zona bianca o cambierà colore. "Potremmo rimanere in bianco, ma è chiaro che dovremo mettere in atto una serie di attenzioni maggiori, quindi la mascherina dovremo tenerla sempre negli assembramenti, sempre al chiuso, mantenere un certo distanziamento e non lasciarci andare a baci e abbracci eccessivi, dovremo stare molto più attenti", ha precisato Fontana.

Gli ospedali sono sempre più sotto stress anche se la situazione del 2020 è lontana: "Un anno fa eravamo in zona rossa e gli ospedali erano sotto una pressione indicibile, oggi, sia per quanto riguarda i ricoveri in terapia ordinaria che in terapia intensiva, sta crescendo il numero ma è ancora sotto controllo - ha puntualizzato Fontana -. Per quanto riguarda i ricoveri in terapia intensiva abbiamo da poco superato la misura fatidica del 10%, mentre per quanto riguarda le terapie ordinarie siamo al 12,3%, per cui dovremmo aspettare i dati di giovedì per capire se passeremo in zona gialla o resteremo in zona bianca".

Contagi, comunque, ricominciare a correre. L'ultimo bollettino di lunedì 20 dicembre indicava che il tasso di positività dei tamponi aveva toccato quota 4,5% (ogni 100 tamponi analizzati vengono trovati circa 5 persone positive). E il 40% dei neocontagiati è novax: "Le persone non vaccinate neo infettate sono superiori al 40% - ha dichiarato Fontana -. è un 40% che rappresenta il 15% della popolazione. Quindi una percentuale molto alta di persone no vax che sono infettato".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La mascherina all'aperto potrebbe diventare obbligatoria in tutta Lombardia

MonzaToday è in caricamento