Coronavirus

Il contagio non rallenta: negli ospedali brianzoli aumentano i ricoveri

Il bollettino fornito dagli ospedali del territorio attesta un continuo aumento dei ricoveri. Per tentare di arginare il contagio c'è anche il sindaco che chiude i giardinetti

I ricoveri continuano ad aumentare, le Terapia Intensive non rallentano. I dati che arrivano oggi, mercoledì 3 marzo, dagli ospedali di Monza e Brianza attestano una continua crescita degli accessi dei pazienti covid, e una tendenza a un leggero incremento anche nelle Terapia intensive, per un totale di 400 pazienti covid ricoverati.

All’ospedale San Gerardo di Monza sono 172 i pazienti covid ricoverati di cui 17 in Terapia Intensiva (i dati del giorno precedente erano 160 ricoverati di cui 17 in Terapia Intensiva); al Policlinco leggero miglioramento con 61 pazienti covid ricoverati di cui 9 in Terapia intensiva ( i dati del giorno prima erano di 65 degenti di cui 9 in Terapia Intensiva).

Anche l'Asst Brianza presenta numeri più elevati rispetto al giorno precedente: 167 i pazienti ricoverati (161 quelli di martedì 2 marzo). A Vimercate sono ricoverati 86 pazienti di cui 2 intensivi e 30 con assistenza respiratoria (il giorno prima erano 78); a Desio sono ricoverati 67 pazienti di cui 5 in Terapia Intensiva e 37 con assistenza respiratoria (il giorno prima erano ricoverati 64 pazienti, di cui 4 in Terapia Intensiva); infine a Carate sono ricoverati 14 pazienti di cui 3 con assistenza respiratoria (il giorno prima erano 13).

Intanto anche i sindaci corrono ai ripari per cercare di contenere assembramenti e possibilità di diffusione del contagio. Il sindaco di Cavenago Brianza vista l’impennata dei contagi in città schizzati dai 9 cittadini positivi di domenica 28 febbraio, ai 35 di martedì 2 marzo (di cui 3 ricoverati) ha emesso un’ordinanza di chiusura dei parchi comunali, confidando nella collaborazione dei suoi concittadini.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il contagio non rallenta: negli ospedali brianzoli aumentano i ricoveri

MonzaToday è in caricamento