Martedì, 18 Maggio 2021
Coronavirus

Covid, il conto della crisi: in un mese i ristoranti e i locali lombardi hanno perso 1 miliardo

Coldiretti stima il calo di fatturato dei locali. Con la zona gialla riaprirebbero in 51mila

Un miliardo in un mese. È quanto hanno perso negli ultimi 30 giorni ristoranti, bar, pizzerie e agriturismi lombardi che sono stati costretti a chiudere quasi del tutto a causa delle norme anti coronavirus. A fare i conti è stata Coldiretti, che ha anche sottolineato come il potenziale passaggio della Lombardia in zona gialla - la data cerchiata sul calendario è l'11 dicembre - permetterebbe a 51mila locali di riaprire le proprie porte. 

"La Lombardia - ha spiegato l'associazione - è la regione italiana con il maggior numero di locali per il consumo di cibo e bevande fuori casa. A livello provinciale, il primo territorio è quello di Milano con oltre 18mila esercizi, seguono Brescia con circa 7mila, Bergamo con più di 5mila, Varese con quasi 4.000 mila locali, Monza e Brianza oltre 3 mila, Pavia e Como con circa 3mila, Mantova con circa 2.000, Cremona con 1.700, Lecco con circa 1.400, Sondrio con 1.100 e infine Lodi con poco meno di 1.000 esercizi dedicati alla ristorazione".

"Gli effetti della chiusura delle attività di ristorazione – hanno proseguito da Coldiretti – si sono fatti però sentire a cascata sull’intera filiera agroalimentare con disdette di ordini per le forniture di molti prodotti che trovano nel consumo fuori casa un importante mercato di sbocco. A pesare – hanno rimarcato – sono state anche anche le limitazioni a carico delle oltre mille aziende agrituristiche con attività di ristorazione che si trovano in grande difficoltà quest’anno per le misure di contenimento già adottate e il crollo del turismo. Le limitazioni alle attività di impresa – hanno concluso dall'associazione – devono dunque prevedere un adeguato e immediato sostegno economico lungo tutta la filiera per salvare l’economia e l’occupazione in un settore chiave del Made in Italy".

A parlare di passaggio alla zona gialla è stato invece il governatore lombardo, Attilio Fontana, in una conferenza stampa di giovedì. "Se i numeri tengono saremo zona gialla l'11 dicembre 2020 - aveva spiegato il presidente della regione -. È una procedura automatica basata sull'andamento dei numeri. Durante l'incontro Stato-Regione abbiamo fatto le nostre rimostranze al Governo per il poco coinvolgimento nel decidere le misure restrittive per le festività", aveva concluso.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Covid, il conto della crisi: in un mese i ristoranti e i locali lombardi hanno perso 1 miliardo

MonzaToday è in caricamento