rotate-mobile
Covid

Paxlovid, la pillola anti covid si trova in farmacia

I medici di famiglia lombardi possono rilasciare le ricette del farmaco per il trattamento precoce della malattia da coronavirus

Paxlovid, la pillola anti covid prodotta da Pfizer si potrà trovare in farmacia. Il medicinale in circolazione in Italia dai primi di febbraio ora, dopo il protocollo d'intesa siglato tra ministero della Salute, Aifa, Federfarma Servizi, Federfarma, Assofarm, Farmacie Unite e Adf, è dispensabile su tutto il territorio nazionale il medicinale. La decisione dell'Aifa è diventata esecutiva con la pubblicazione nella Gazzetta ufficiale del 20 aprile. Con la ricetta del medico di medicina generale il paziente potrà ritirare il farmaco direttamente in farmacia. 

Quando si può assumere

Paxlovid deve essere somministrato il prima possibile dopo la diagnosi di covid, non oltre 5 giorni dall’insorgenza dei sintomi. Il trattamento consiste nell’assunzione di due compresse di nirmatrelvir e una compressa di ritonavir, due volte al giorno, per 5 giorni. L'Aifa sottolinea di "indagare in maniera accurata l’anamnesi farmacologica del paziente in quanto il ritonavir ha importanti interazioni farmacologiche con molti farmaci". È consigliata per "gli adulti non ospedalizzati, che non hanno bisogno di ossigenoterapia e con condizioni cliniche concomitanti "che rappresentino specifici fattori di rischio per lo sviluppo di Covid-19 severo". 

Come si legge in un report dell' Agenzia italiana del farmaco, il medicinale contiene due principi attivi: nirmatrelvir e ritonavir, presenti in due compresse distinte. Nirmatrelvir agisce "riducendo la capacità del SARS-CoV-2 di replicarsi nell’organismo, mentre ritonavir (farmaco già da tempo utilizzato nel trattamento dell’infezione da hiv) non ha attività antivirale ma funziona da booster farmacologico prolungando l’azione di nirmatrelvir".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Paxlovid, la pillola anti covid si trova in farmacia

MonzaToday è in caricamento