Coronavirus

Negli ospedali di Monza e Brianza i ricoverati covid non accennano a diminuire

Da oltre una settimana i dati si sono assestati. Leggere diminuzioni e crescite di malati contagiati che necessitano il ricovero

La settimana di Pasqua si chiude, negli ospedali di Monza e Brianza, così come era iniziata. Un numero pressoché stabile di pazienti con covid che negli ultimi giorni hanno visto un continuo saliscendi senza, ancora, una netta diminuzione dell’ospedalizzazione.

Il bollettino di venerdì 2 aprile che arriva dagli ospedali di Monza e Brianza conferma che la curva non accenna a scendere. Tutt’altro. Al Policlinico di Monza si registra anche un leggero incremento: sono 117 i pazienti covid ricoverati (giovedì 1 aprile erano 112) di cui 10 in terapia intensiva. Dall’Asst Brianza si conferma la situazione stabile, anzi in leggera diminuzione, dei pazienti contagiati, che sono 319 (il giorno prima erano 321) e alle ore 12.30 erano 10 i pazienti covid in Pronto soccorso in attesa di ricovero. All’ospedale di Vimercate sono 176 i pazienti di cui 11 in terapia intensiva e 42 che necessitano l’utilizzo del casco cpap; a Desio sono 102 di cui 6 in terapia intensiva e 19 con cpap; a Carate sono 41 di cui 1 con cpap.

Dall’ospedale San Gerardo di Monza non ci sono aggiornamenti. L’ultimo è di giovedì 25 marzo quando  erano ricoverati 287 pazienti covid di cui 36 in terapia intensiva.

Intanto da Monza parte la proposta di vaccinare anche i 16enni: a lanciarla, durante un incontro con alcune mamme di un comitato il sindaco Dario Allevi, così da restituire ai più giovani la possibilità di riprendersi la vita sociale che l’emergenza ha negato.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Negli ospedali di Monza e Brianza i ricoverati covid non accennano a diminuire

MonzaToday è in caricamento