menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

L'emergenza frena, ma non gli accessi dei pazienti covid in Pronto soccorso

Per la prima volta da settimane i numeri dei ricoverati non registrano aumenti, ma anzi un lievissimo calo. Non si frena il flusso al Pronto soccorso

Covid: la situazione dei ricoveri negli ospedali di Monza e Brianza è stabile. Per la prima volta da settimane non ci sono aumenti, anzi all’Asst Brianza si è registrato un leggerissimo calo. Purtroppo, però, non accennano a diminuire gli accessi dei pazienti covid in Pronto soccorso.

Il bollettino di martedì 23 marzo fa ben sperare. Al Policlinico di Monza sono ricoverati 117 pazienti covid di cui 9 in terapia intensiva (lunedì 22 marzo i pazienti erano 116 di cui 9 in terapia intensiva); all’Asst Brianza si registra un lievissimo calo con 299 pazienti ricoverati (rispetto ai 301 del giorno precedente) e alle ore 12 erano 21 i pazienti covid in Pronto soccorso in attesa di essere ricoverati. All’ospedale di Vimercate ci sono 173 degenti covid di cui 12 in terapia intensiva e 39 con cpap; a Desio 87 di cui 7 in terapia intensiva e 16 con cpap; a Carate 40 di cui 2 con cpap.

Dall'ospedale San Gerardo non ci sono aggiornamenti. Il bollettino di lunedì 22 marzo riferiva 286 pazienti covid ricoverati  di cui 35 in terapia intensiva. Il bollettino precedente di giovedì 18 marzo era di  263 pazienti di cui 36 in terapia intensiva e 12 in sub intensiva. L’età media dei ricoverati è di 64 anni, mentre l’età media dei pazienti in terapia intensiva è di 62 anni. C’è stato un picco di accessi nella giornata di mercoledì: 33 i pazienti covid ricoverati. Rispetto alla prima e alla seconda ondata non si è fermato l’accesso al Pronto soccorso dei pazienti non contagiati.“

 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MonzaToday è in caricamento