Coronavirus

Gli ospedali sempre pieni, all'Asst Brianza 18 pazienti in più in 24 ore

I contagi non diminuiscono, così come gli accessi negli ospedali. Il sindaco di Lissone Concettina Monguzzi invita alla collaborazione: in dieci giorni contagi più che raddoppiati

La curva dei contagi continua a salire. Inesorabilmente, come preannunciato dagli esperti che ipotizzano entro la fine del mese di marzo il picco di quella che, ormai a tutti gli effetti, è stata definita la terza ondata.

I dati di mercoledì 10 marzo che vengono forniti dagli ospedali di Monza e Brianza confermano l’andamento, con un continuo ricambio tra pazienti dimessi e nuovi contagiati.

L’ospedale San Gerardo di Monza ha come ieri, martedì 9 marzo, 212 pazienti covid di cui 28 in Terapia Intesiva (2 in più rispetto al giorno prima). Ma dal nosocomio di via Pergolesi precisano che quei 212 non sono gli stessi pazienti di 24 ore prima, ma un saldo tra dimessi e nuovi ricoverati.
Al Policlinico di Monza ci sono 74 pazienti covid di cui 8 in Terapia Intensiva (il giorno prima erano 83 i degenti di cui 8 in Terapia Intensiva).

Numeri in salita all’Asst Brianza dove attualmente sono ricoverati 229 pazienti covid (il giorno prima erano 207) e alle 13 risultano 7 pazienti contagiati in Pronto soccorso in attesa di essere ricoverati. I pazienti ricoverati a Vimercate sono 131 di cui 7 in Terapia Intensiva (30 con necessità di assistenza respiratoria e 34 con il casco Cpap); a Desio sono 68 di cui 5 in Terapia Intensiva (42 con assistenza respiratoria e 12 con Cpap); a Carate 30 (di cui 10 con assistenza respiratoria).

I sindaci invitano nuovamente alla massima prudenza. Il primo cittadino di Lissone, Concettina Monguzzi, con un post sul suo profilo Facebook rimprovera l’azione compiuta da alcuni giovani che hanno tolto i nastri bianchi e rossi da alcune aree verdi transennate per evitare assembramenti.
“Occorre la collaborazione di tutti, azioni di senso civico che vadano oltre il timore di essere sanzionati. In una settimana il numero dei lissonesi risultati positivi al covid è passato da 205 (di mercoledì 3 marzo) a 290 (di martedì 9 marzo). In venti giorni, dal 19 febbraio al 9 marzo, il dato è più che raddoppiato passando da 123 a sfiorare quasi i 300 lissonesi contagiati".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gli ospedali sempre pieni, all'Asst Brianza 18 pazienti in più in 24 ore

MonzaToday è in caricamento