rotate-mobile
Coronavirus

I numeri del virus a Monza, il sindaco: "Più della metà dei contagi sono minorenni"

Il primo cittadino è tornato ad aggiornare i cittadini in merito alle cifre del contagio in città dopo che nell'ultima giornata il dato dei nuovi positivi è salito a +34, con quasi 100 nuovi casi in tutta la provincia

Sono quasi a quota cento i nuovi contagi giornalieri registrati a Monza e Brianza nella giornata di martedì: un numero elevato, più alto dei giorni scorsi che ha portato anche il sindaco del capoluogo brianzolo Dario Allevi a intervenire sull'argomento per un aggiornamento relativo ai numeri in città. E per rivolgere a tutti - e questa volta soprattutto ai giovanissimi - un appello al senso di responsabilità.

Nelle ultime ventiquattro ore (dati di martedì 5 ottobre) il numero dei nuovi positivi a Monza ha raggiunto le 34 unità, incremento che ha portato a 96 il numero dei nuovi casi sul territorio brianzolo. "Avevo promesso che vi avrei avvisato se la situazione dei contagi in città fosse cambiata rispetto al trend stazionario registrato nell'ultimo mese" ha spiegato il sindaco Allevi. "Ebbene, oggi purtroppo ci siamo".

"Sono numeri che ci riportano indietro nel tempo anche se - fortunatamente - non corrispondono a un aumento proporzionale di ricoveri in ospedale, che oggi raggiungono le 25 unità al San Gerardo, di cui 5 in terapia intensiva. Aggiungo per completezza di informazioni che, dall’inizio della scuola, è in costante aumento anche il numero dei tamponi quotidianamente effettuati".

"La metà dei nuovi positivi sono ragazzi"

Ma chi sono i nuovi positivi a Monza? I dati rivelano che si tratta soprattutto di ragazzi, studenti giovanissimi. "Gli approfondimenti che arrivano dal CCS - Centro Coordinamento Soccorsi - che qui si riunisce ininterrottamente tutti i giorni dallo scorso febbraio, ci dicono che circa la metà dei nuovi positivi sono ragazzi minorenni e, di questi, 25 sono studenti iscritti alle scuole superiori" ha illustrato il primo cittadino monzese.

"Il tempo della responsabilità è adesso: non sprechiamo i risultati raggiunti fino ad oggi, rispettiamo le regole sempre, non solo a scuola, ma anche durante il tempo libero. Sforziamoci di mantenere le distanze anche con gli amici e indossiamo sempre la mascherina: solo così ridurremo i piccoli cluster che anche in città si stanno moltiplicando. Dipende anche da noi: servono più attenzione e più prudenza perché la partita contro il Covid-19 è tutt’altro che finita" ha concluso Allevi, rivolgendo un appello ai concittadini, soprattutto ai giovanissimi.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I numeri del virus a Monza, il sindaco: "Più della metà dei contagi sono minorenni"

MonzaToday è in caricamento