Il Baby College di Monza riapre le porte dal 15 giugno: è la prima scuola brianzola che riparte

Ingressi scaglionati, piccoli gruppi, mascherine per i più grandi e misurazione della temperatura nel rispetto delle norme di sicurezza

Dal 15 giugno il Baby College di Monza riapre le porte ai bambini. Parola d’ordine sicurezza: ingressi scaglionati, classi formate da piccoli gruppi, misurazione della temperatura all’entrata, mascherine per i più grandi e giochi sanificati per i più piccoli. E ancora, pranzo e sonnellino a distanza di sicurezza e ampio spazio alle attività all’aria aperta. 

Sarà la prima scuola della Brianza ad accogliere nuovamente i più piccoli in tutta sicurezza, nel pieno rispetto delle norme ministeriali. Dopo oltre due mesi di “isolamento” i bambini potranno tornare a confrontarsi e a giocare in un ambiente diverso.

“Siamo molto contenti di poter accogliere nuovamente i nostri bambini in un ambiente sereno e, soprattutto, sicuro - spiega Eva Balducchi, co-fondatrice del Baby College di Monza - Abbiamo deciso di ripartire soltanto dopo aver adottato soluzioni sostenibili e praticabili per la nostra struttura, non avvalendoci solo delle indicazioni ministeriali di base, ma adottando misure più rigide suggerite dalla nostra società di consulenza sulla sicurezza nei luoghi di lavoro e dal pediatra della scuola. Un inizio graduale che coinvolgerà per primi i piccoli delle classi dell’infanzia, dai tre anni in su, guidati dall’equipe della scuola integrata dal personale bilingue dell’asilo nido.”

Mini gruppi, distanziamento e ingressi scaglionati

Per garantire la massima sicurezza, i piccoli alunni saranno divisi in mini gruppi da 4/5, privilegiando le esigenze lavorative dei genitori e l’individualità di ciascun bambino, e affidati a un docente che li accompagnerà nello svolgimento di tutte le attività. Inoltre, gli ingressi saranno scaglionati consentendo l’accesso a un solo genitore alla volta. Distanziamento garantito anche durante il sonnellino e il pranzo, servito in orari differenti, che si svolgeranno rispettando la distanza di 1 metro e vagliando la possibilità di riconvertire altre zone della struttura educativa per agevolare lo svolgimento delle attività.

Grande attenzione sarà poi data alla sanificazione professionale degli ambienti, secondo un nuovo piano giornaliero, con dispositivi certificati e nel rispetto della normativa vigente. Saranno inoltre rimossi tutti i giochi potenzialmente non lavabili e igienizzati quotidianamente quelli ad uso esclusivo di ogni gruppo. Infine, la presenza di spazi all’aperto e la vicinanza al Parco di Monza permetteranno lo svolgimento di numerose attività all’aria aperta, abbracciando la filosofia dell’Outdoor Education: un toccasana per molti bambini a lungo costretti in casa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elettra Lamborghini vuole ristrutturare casa e cerca su Instagram l'impresa più veloce

  • Festa in casa tra ragazzini mentre la nonna dorme ma arrivano i carabinieri: 17 multe

  • Dalla Brianza in dono un cucciolo per superare la morte improvvisa del piccolo Cairo

  • "Io apro", a Monza c'è chi è pronto ad accogliere al tavolo i clienti il 15 gennaio (nonostante i divieti) e chi no

  • Accoltella moglie in strada e inventa rapina, in casa droga: arrestato per tentato omicidio

  • L'inseguimento, l'ultima telefonata al padre e poi il suicidio: si indaga sulla morte di un 28enne di Lentate

Torna su
MonzaToday è in caricamento