menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coronavirus, a Usmate Velate arriva la "Spesa Sospesa" per chi è in difficoltà

I cittadini potranno acquistare prodotti nei punti vendita aderenti e lasciarli a chi ne ha bisogno

Un gesto di solidarietà per aiutare chi è in difficoltà a comprare da mangiare a causa dell’emergenza coronavirus. Un carrello vuoto, da riempire con prodotti da donare a chi ne ha bisogno. 

A Usmate Velate nasce l’iniziativa “Spesa sospesa”. I cittadini - spiegano dal municipio - potranno acquistare uno o più prodotti e lasciarli “sospesi”, nella certezza che quei beni verranno consegnati alle persone e ai nuclei familiari in situazione di fragilità economica. L’iniziativa - che ora ha il patrocinio del comune - è nata solo pochi giorni fa dall’idea di alcune persone e promossa dalla Caritas delle Parrocchie di Usmate Velate in accordo con il Centro di Ascolto della Comunità Pastorale.

“Sappiamo che sono aumentati i nuclei familiari in difficoltà, questa azione che patrociniamo vuole essere un ulteriore segno per mostrare la nostra attenzione nei confronti di chi deve fare i conti con situazioni di emergenza economica dovuta alla pandemia – affermano il Sindaco Lisa Mandelli e l’assessore ai Servizi sociali Greta Redaelli – come Comune vogliamo sostenere questa iniziativa e lo faremo sensibilizzando sia la cittadinanza sia gli esercizi commerciali. Un piccolo sforzo di ciascuno di noi quale è il gesto di donare un prodotto può servire per aiutare chi si trova in difficoltà”.

Come funziona la spesa sospesa

A partire dai prossimi giorni, i cittadini troveranno nei negozi aderenti all’iniziativa un punto di raccolta costituito da un carrello o da un cesto nel quale potranno essere lasciati i prodotti da destinare alla Spesa sospesa.

Chi fa la spesa potrà lasciarvi all’interno un prodotto appena acquistato, scegliendo fra i generi alimentari raccolti nel punto vendita.

Con cadenza regolare ed anche su segnalazione dei gestori degli esercizi commerciali, i prodotti verranno poi ritirati dai negozi da parte dei volontari per conto di Caritas.

Già a partire dai prossimi giorni, invece, il Settore Servizi Sociali del Comune di Usmate Velate in accordo con i volontari del Centro di Ascolto si occuperanno di definire la lista delle persone che necessitano di un aiuto alimentare e maggiormente bisognose in questo periodo emergenziale.

La Caritas, anche attraverso la collaborazione dei volontari, provvederà poi a distribuire i viveri sia con le modalità consuete di distribuzione periodica oppure con interventi immediati su segnalazione di urgenze particolari.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Sicurezza

Come eliminare la puzza di fumo dalla tua casa

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MonzaToday è in caricamento