Covid e scuole, in Brianza al via i test “rapidi” per gli studenti

La Asst di Vimercate ha attivato in via sperimentale il servizio per gli studenti delle scuole medie e superiori di Carate Brianza, Besana Brianza e Seregno

Test antigenici “rapidi” con risultati veloci per gli studenti. La sperimentazione approda anche in Brianza dove la Asst di Vimercate ha attivato il servizio per l’area di Carate Brianza, Besana Brianza e Seregno.

L'utilizzo dei test antigenici rapidi è in “grado di assicurare una diagnosi accelerata di casi di COVID-19, consentendo una tempestiva diagnosi differenziale nei casi sospetti tra sindrome influenzale e malattia da SARS-CoV2, diversamente dai test molecolari per i cui risultati l’intervallo di tempo utile risulta più ampio” come si legge in una nota tecnica sul sito del Ministero della Salute.

Test rapido in Brianza

La sperimentazione del test antigenico è rivolta agli studenti delle scuole secondarie di primo e secondo grado con manifestazione di sintomi a scuola (gli istituti scolastici interessati sono quelli che insistono nei comuni di Carate Brianza, Besana Brianza e Seregno). La sperimentazione coinvolgerà anche il personale docente e non docente afferente alle scuole di ogni ordine e grado e ai servizi educativi dell’infanzia con manifestazioni di sintomi a scuola o in ambito domestico. Anche in questo caso le scuole interessate sono quelle di Carate, Besana e Seregno. Operatori dell’ASST di Vimercate, in collaborazione con ATS Brianza, a partire da venerdì 16 ottobre e dalla prossima settimana, da lunedì al sabato, dalle 9.00 alle 13.00, saranno impegnati in questa sperimentazione. Punto di erogazione dei test sarà l’Auditorium dell’Istituto Parrocchiale Paritario Vescovi Valtorta e Colombo di Carate.

A Vimercate 2.600 tamponi per le scuole in un mese

Dallo scorso 16 settembre ad oggi, in un mese, sono stati 2.600 i tamponi effettuati a cui si aggiungono i 150 test quotidiani erogati con prenotazione diretta (dal medico di famiglia) o mediata (dall’ATS). I risultati del tampone, grazie alla messa in esercizio di una seconda apparecchiatura per l'analisi dei campioni microbiologici, si è ridotta a circa 24/48 ore di attesa. A Vimercate sono tre le postazioni attive - tutte presidiate da personale infermieristico opportunamente formato- e nella fascia oraria ad accesso libero, in considerazione della necessità di rispondere tempestivamente ad una domanda non programmabile, si è arrivati fino ad un massimo di 8 infermieri in contemporanea. Per ridurre i disagi legati all’accesso all’ospedale e le code è sceso in campo anche il personale della Protezione Civile che si occupa di assegnare a ciascun paziente con autovettura un numero progressivo, che costituisce elemento identificativo utile alla chiamata ed alla gestione delle code e dei parcheggi con tempi di attesa che si aggirano intorno ai 30 minuti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Sono estremamente soddisfatto – spiega Nunzio Del Sorbo, Direttore Generale dell’ASST - di come stiamo gestendo il nostro modello. Un ringraziamento particolare va a tutti gli operatori che non hanno fatto mai mancare impegno, professionalità e umanità: bambini o adulti che fossero coloro che si sono sottoposti al prelievo microbiologico. Un grazie infinito anche al nostro personale amministrativo e agli operatori della Protezione Civile di Vimercate che ci hanno supportato non poco in questi giorni, garantendo in entrambi i casi una certa scorrevolezza del flusso degli utenti”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Parcheggia l'auto e va al cinema, due ore dopo la trova "sventrata" e senza volante

  • Gita da Monza, una giornata a bordo del Treno del Foliage per vivere la magia dell'autunno

  • Coronavirus, boom di casi a Monza e Brianza (+180): nuovi ricoveri al San Gerardo

  • La "gardella hash", la nuova potentissima droga sequestrata a Monza

  • Maxi blitz della polizia ai giardinetti e un elicottero in volo sopra Monza

  • Il coronavirus torna a far paura: "Situazione può diventare esplosiva, adesso Monza rischia"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MonzaToday è in caricamento