Coronavirus

Vaccini Pfizer e Moderna proteggono dal covid per anni, dice uno studio

A rivelarlo una ricerca realizzata da un team di scienziati statunitensi. "Non è detto che serviranno richiami del vaccino Covid ogni anno", afferma il professore della Statale, Mario Clerici

Repertorio

I vaccini MRna come Pfizer e Moderna parrebbero garantire una protezione dal covid lunga anni. A dirlo uno studio condotto da un team di scienziati della Washington University School of Medicine di St Louis e pubblicato su Nature, nel quale si legge che questi tipi di siero sembrano in grado di indurre "una risposta persistente delle cellule B del centro germinativo, che consente la generazione di una robusta immunità umorale".

In soldoni, la ricerca evidenzia come questi vaccini stimolerebbero nel corpo delle reazioni in grado di fare da scudo contro il Sars-CoV-2 per anni, a patto che il virus non si evolva in forme molto diverse da quelle che ha assunto oggi. Di conseguenza, come evidenziato da alcuni esponenti della comunità scientifica italiana, tra cui l'immunologo e professore ordinario dell'Università degli studi di Milano, Mario Clerici: "non è detto che serviranno richiami del vaccino Covid ogni anno".

Al centro dello studio effettuato dagli scienziati statunitensi l'analisi delle risposte delle cellule B specifiche per l'antigene sia nel sangue periferico che nei linfonodi drenanti di 14 persone vaccinate con due dosi di Pfizer. La reazione generata, si è scoperto, sembra persistere nel tempo, come se la vaccinazione dotasse l'organismo di 'fabbriche' di plasmacellule e cellule B durature.

Rimbalzata da 'Nature' alla stampa internazionale la ricerca conferma le aspettative nutrite da diversi scienziati sulla base di dati emersi in precedenza. Secondo quanto riportato dal New York Times, una delle autrici del lavoro, l'immunologa Ali Ellebedy, definisce quanto osservato nell'analisi appena pubblicata "un buon segno di quanto duratura sia l'immunità indotta da questi vaccini". Questo studio, commenta all'Adnkronos Salute Clerici, che è docente dell'università degli studi di Milano e direttore scientifico della Fondazione Don Gnocchi, "confermano che dal punto di vista immunologico non vi è nulla di peculiare riguardo a questo virus".

"L'aspettativa è che la risposta indotta dai vaccini possa durare molto a lungo", prosegue Clerici. L'esperto, proprio parlando delle evidenze che si stavano accumulando sulla memoria immunologica, aveva usato un esempio per rendere l'idea del meccanismo che potrebbe attivarsi nel nostro organismo: "È come se noi avessimo un cannone che spara i suoi proiettili solo se c'è il virus. In sua assenza questo cannone se ne sta lì pronto e quando il virus si dovesse ripresentare avrebbe il macchinario per produrli". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vaccini Pfizer e Moderna proteggono dal covid per anni, dice uno studio

MonzaToday è in caricamento