San Gerardo, vuota anche la Terapia Intensiva della palazzina di Accoglienza

Ora il quarto piano della Palazzina Accoglienza che per oltre tre mesi ha ospitato una parte della Terapia Intensiva torna alla sua funzione originaria: tornano i piccoli interventi

Il personale della terapia intensiva ormai svuotata

In piena emergenza Covid, il quarto piano della Palazzina Accoglienza dell’ospedale San Gerardo era stato trasformato in una “estensione” della terapia intensiva con 40 posti letto aggiuntivi e circa 100 pazienti contagiati dal virus trattati. Ora, dopo tre mesi, il reparto è “vuoto” e può tornare a ospitare piccoli interventi chirurgici come previsto dalla sua funzione originaria. 

Qui infatti prima venivano trattati i pazienti che necessitavano di piccoli interventi chirurgici, nel mese di marzo, per far fronte all’incremento dei casi, Regione Lombardia aveva chiesto alla ASST Monza di attivare in emergenza altri 40 posti letto aggiuntivi di terapia intensiva. L’azienda è arrivata a gestire circa 100 pazienti ricoverati in terapia intensiva nel periodo di massima emergenza alla fine del mese di marzo. È stato quindi realizzato un progetto in sole due settimane di tempo, durante la fase emergenziale, di 40 posti letto di terapia intensiva al quarto piano della nuova Palazzina Accoglienza la cosiddetta “Tipa” (Terapia Intensiva Palazzina Accoglienza) dove hanno lavorato in piena pandemia 97 infermieri, 37 medici e 10 specializzandi. 

L’ultimo paziente colpito da Covid in terapia intensiva è stato dimesso il 24 giugno, poi il quarto piano ha ospitato il reparto di Rianimazione, oggetto nella sua sede di una completa riprogettazione. 

Dalle Terapie Intensive di tutto il presidio e dalla Direzione Generale della ASST Monza arrivano però i ringraziamenti verso i tanti donatori che hanno contribuito con elargizioni di denaro e di apparecchiature medicali per far sì che i pazienti potessero ricevere le cure migliori. 

Tra le principali ricordiamo la donazione del Banco di Desio che ha consentito di adeguare la dotazione impiantistica della “Tipa” con un importante contributo di 100.000 euro e la donazione di 9 ventilatori polmonari da parte di Beldolfin Srl, Aldo e Beppe Fumagalli, per un importo di 80.000 euro. 

“Oggi è un momento importante che segna il ritorno ad una dimensione di normalità – sottolinea il Direttore Generale della ASST Monza Mario Alparone – mi auguro che questa fase di contenimento dell’emergenza Covid possa continuare per poter ritornare ad erogare, a favore della nostra comunità, servizi sanitari di alta qualità su tutte le altre patologie. Sono grato a tutto il personale della nostra azienda che ha gestito complessivamente oltre 1750 pazienti di cui oltre 350 da fuori provincia”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • È a Monza uno dei migliori ristoranti d'Italia secondo il Gambero Rosso

  • La pensione di dicembre e la tredicesima arrivano il 25 novembre: la novità in Brianza

  • Salute Donna e il San Gerardo piangono la morte di Licia, l'infermiera dal cuore buono

  • Covid, Lombardia verso entrata in 'zona arancione' da venerdì: cosa cambia

  • Passa con il rosso e si scontra con un'auto poi la Seat finisce contro muro e prende fuoco

  • Incidente a Monza, scontro tra auto e ambulanza diretta al San Gerardo

Torna su
MonzaToday è in caricamento