rotate-mobile
Attualità

Perché tanti funzionari statali stanno restituendo la laurea

Una protesta particolare: ecco le motivazioni

Se la laurea non serve più per accedere a determinati concorsi e ricoprire ruoli apicali, i funzionari statali (laureati) la restituiscono. Questa la protesta indetta dal Coordinamento funzionari con laurea magistrale/specialistica specifica, direttivi e non direttivi, del Comparto funzioni centrali - enti pubblici non economici (Inps, Aci, Inail, Cri ecc.) ministeri e agenzie fiscali.

Da giovedì i funzionari (migliaia anche a Monza e Brianza) stanno restituendo simbolicamente la laurea (attraverso il sito funzionaripubblici.it) al ministro della Pubblica amministrazione Renato Brunetta, e al presidente dell'Aran (Agenzia per la rappresentanza negoziale delle pubbliche amministrazioni) Antonio Naddeo.  Alla base della protesta l’abolizione delle figure professionali Direttive e l’istituzione della figura unica di Funzionario alla quale potranno accedere anche lavoratori senza laurea. Lo stabilisce il nuovo Contratto collettivo nazionale funzioni Centrali 2019-2021 in atto al vaglio della Corte dei Conti.

Una scelta che al Coordinamento funzionari laureati proprio non è andata giù. "È inaudito che vincitori di un concorso pubblico come quello per direttore al Ministero della Giustizia, per il quale è stata richiesta la laurea specialistica specifica ed altri titoli abilitativi, ora debbano subire una tale retrocessione ad una figura professionale cui si potrà accedere anche senza laurea - spiega Domenico Scardino, responsabile del Coordinamento funzionari laureati -. Stesso discorso vale per tutte le figure apicali e direttive del Comparto funzioni centrali, con lauree specifiche, abilitazioni, master che in virtù del nuovo contratto subiranno una retrocessione professionale o uno stallo perenne, nel caso dei funzionari laureati appena assunti, inaccettabile".

Una scelta che Scardino boccia. "È vero è stata istituita la Quarta Area pensata per accogliere i professionisti esterni assunti a tempo determinato per l’attuazione del PNRR nei vari enti e nella quale è prevista una riserva dei posti fino al 50% per i funzionari ma, considerati i differenziali stipendiali molto elevati (si parla di 30 mila euro annui per funzionario) che sarebbero a carico di ministeri ed enti già in forte difficoltà, temiamo che saranno davvero pochi i funzionari che vi potranno accedere".

Il Coordinamento chiede la modifica del contratto o l’istituzione per decreto legge di una nuova Area, quella Direttiva, nella quale inquadrare i funzionari e i direttori con laurea specifica ed esperienza professionale e che rappresenti un’ulteriore chance di progressione professionale per i giovani laureati appena assunti.

"Nel frattempo, visto che le lauree sono equipollenti al diploma, simbolicamente le restituiamo", conclude.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Perché tanti funzionari statali stanno restituendo la laurea

MonzaToday è in caricamento