rotate-mobile
Mercoledì, 26 Gennaio 2022
Attualità

Il futuro della M5 a Monza finisce sui banchi del Pirellone

Il consigliere Marco Fumagalli (M5S) ha presentato un'interrogazione

Il futuro del prolungamento della M5 da Bignami fino a Monza finisce sui banchi della Giunta regionale. Nei giorni scorsi l'associazione HQ Monza aveva sollevato polemiche sullo stop dell'iter che avrebbe dovuto portare all'avvio del cantiere dell'opera. Un'opera che, secondo  i calcoli fatti nel 2018, avrebbe dovuto concludersi entro il 2026 giusto in tempo per le Olimpiadi invernali di Milano-Cortina.

A portare all'attenzione della Giunta la questione è il consigliere Marco Fumagalli (Movimento 5 Stelle). "Un miliardo e 250 milioni di euro sono già stati stanziati, eppure il progetto legato al prolungamento della metro lilla da Bignami a Monza è ancora fermo al palo - chiede Fumagalli nella sua interrogazione -. Perché? Sull’importanza strategica del prolungamento non vi sono dubbi. Così come non vi sono dubbi in merito al suo impatto positivo dal punto di vista ambientale. Allora perché i lavori sono ancora bloccati al progetto preliminare del 2018? Certamente l’emergenza pandemica può avere avuto il suo impatto, ma tre anni sono un tempo inaccettabile".

Ed è proprio questo il punto sul quale chiedeva chiarimenti HQMonza. Un ritardo "ingiustificato" visto che il progetto era pronto e i fondi erano già stati stanziati. Tre anni di stop che ad oggi diventano impossibili da recuperare per realizzare l'infrastruttura nei tempi previsti allora. 

"Chiedo a Regione Lombardia non solo di rendere note date certe e tempi di realizzazione, ma voglio anche sapere il motivo di queste lungaggini. Perché i pendolari brianzoli sono ancora costretti ad attendere, nonostante la presenza di un progetto concluso e di finanziamenti già stanziati?", conclude iul consigliere pentastellato. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il futuro della M5 a Monza finisce sui banchi del Pirellone

MonzaToday è in caricamento