rotate-mobile
Attualità Sovico / Via Lambro

Il gallo canta troppo, vicino si lamenta e chiama le forze dell'ordine: animale "sfrattato"

È successo a Sovico, la proprietaria ha spostato il gallo in un altro terreno

La questione? Un gallo che canta troppo e infastidiva un vicino di casa, tanto che quest'ultimo ha segnalato a più riprese il fatto a carabinieri e polizia locale. E sono stati proprio i vigili  a porre fine alla questione. Come? Hanno spiegato quello che stava accadendo alla proprietaria e il gallo è stato "esiliato": trasferito in un altro terreno dove non potrà cantare senza dare fastidio a nessuno. Succede a Sovico e la vicenda è stata riportata sulle colonne de Il Cittadino Mb con un articolo firmato da Elisabetta Pioltelli.

Tutto è accaduto in via Lambro e le lamentele (sempre della stessa persona) andavano avanti da almeno sei mesi. Il sovicese sosteneva che il gallo cantasse di giorno e di notte lamentando il disturbo della quiete pubblica. 

"Il gallo era dei miei figli di 5 e 3 anni — ha spiegato la proprietaria dell'animale sulle colonne de Il Cittadino Mb—. Adesso chi glielo dice che il gallo l’abbiamo dovuto portare dove non dà “fastidio”? Spero che la persona che ha fatto tutto ciò stia leggendo e si senta in colpa per quello che ha fatto. Poteva anche metterci la faccia e dirlo di persona prima. Il gallo è andato a stare meglio lontano da vicini intolleranti e insonni".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il gallo canta troppo, vicino si lamenta e chiama le forze dell'ordine: animale "sfrattato"

MonzaToday è in caricamento