rotate-mobile
Martedì, 27 Settembre 2022
viabilità

Un incontro in provincia per parlare del futuro di Pedemontana

In attesa dell'incontro al Pirellone il prossimo 12 settembre

Quale sarà il futuro di Pedemontana e in particolare della tratta D breve? Se ne parlerà il 5 settembre alle 17.30 nella sede della provincia di Monza. All'incontro (al quale è possibile partecipare anche da remoto) interverranno  tutti gli amministratori interessati dalle opere previste per la realizzazione della tratta D breve di Autostrada Pedemontana Lombarda.

L'obiettivo è indivudare una posizione unica e condivisa in previsione dell'incontro che il 12 settembre si terrà in al Pirellone proprio sulla scottante questione che investe diversi comuni della Brianza. 

“Gli uffici della provincia, dopo l’incontro con i vertici di Pedemontana nei primi giorni di giugno, si sono immediatamente attivati per formulare, come richiesto dalla società, apposita istanza di accesso agli atti al fine di poter prendere visione della documentazione elaborata per quanto riguarda lo studio di fattibilità della tratta D breve - spiega il presidente della provincia Luca Santambrogio -. Il 28 giugno abbiamo quindi ricevuto nota formale circa la disponibilità degli elaborati tramite un collegamento web dedicato. In quanto Ente designato come capofila negli appositi tavoli, i nostri tecnici, come di consueto, stavano e stanno effettuando preventivamente le valutazioni sia a livello urbanistico che trasportistico, con riguardo, in particolare, agli aspetti di area vasta. Valutazioni da esporre successivamente nei predetti tavoli tecnici”.

Da qui la scelta di continuare a lavorare in squadra. “Ritengo pertanto opportuno che sia necessario, attraverso un lavoro condiviso, e in relazione agli accordi formalizzati, intraprendere azioni comuni senza ricorrere ad individualismi, al fine di esaminare e proporre soluzioni alternative, ottimizzazioni o miglioramenti a salvaguardia del nostro territorio. L’alternativa potrebbe essere che regione Lombardia si confronti singolarmente con ogni amministrazione comunale sulla questione, ma ritengo non essere l’ipotesi ideale da poter percorrere in questo momento” conclude Santambrogio. 

La tratta D lunga (progetto del 2009)

Lunga circa 16,8 km, a due corsie per senso di marcia, da Vimercate alla A4 (Brembate), così suddivisi: 2,5 km in galleria naturale, 0,7 km in galleria artificiale, 5,4 km in trincea e 6,7 km in rilevato, a cui si aggiungono 1,5 km di ponti e viadotti per l’attraversamento del Molgora e dell’Adda. Il tracciato principale della tratta D si estendeva dall’interconnessione con la Tangenziale Est, prima dell’attraversamento del fiume Molgora, fino all’interconnessione con l’autostrada A4, affiancandosi al tracciato ferroviario della Gronda Seregno-Bergamo fino allo svincolo di Filago. Nell’ambito di questa tratta era altresì prevista la progettazione del ponte sull’Adda della gronda ferroviaria merci, parallelo al ponte autostradale, in accordo con la Regione Lombardia e RFI (Rete Ferroviaria Italiana).

La tratta D breve

Tale scenario di intervento prevede un tracciato principale lungo circa 9 Km che, nella prima parte, dove si considera il suo inizio in corrispondenza della tratta precedente, ricalca sostanzialmente il percorso del progetto definitivo revisionato del 2010 per circa 2 Km, per poi piegare verso Sud, traguardando l’interconnessione esistente tra l’autostrada A4 Milano - Bergamo e la Tangenziale Est Esterna di Milano (TEEM), localizzata nei comuni di Caponago ed Agrate Brianza. In particolare, questa ipotesi, prende avvio immediatamente ad Est della A51 - Tang. EST - in località Usmate Velate (MB) e termina con l’interconnessione A4-TEEM mediante un nuovo sistema di rampe che consentiranno tutte le possibili manovre di svolta. La proposta progettuale prevede la realizzazione di due carreggiate ciascuna composta da tre corsie per senso di macia separate da un margine interno composto da spartitraffico e da banchine laterali.

Sono previsti dal progetto una galleria artificiale, una parte del percorso in trincea e una parte del percorso in rilevato. I comuni interessati dal tracciato risultano essere Vimercate, Carnate, Bellusco, Ornago, Burago Molgora, Agrate Brianza e Caponago.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un incontro in provincia per parlare del futuro di Pedemontana

MonzaToday è in caricamento