rotate-mobile
Martedì, 27 Settembre 2022
trasporti e politica

"Politici monzesi quando arriverà la M5 in città?"

A chiederlo, ma soprattutto a sollecitare l'amministrazione, l'associazione HQMonza che da anni chiede l'arrivo della metro in città

Il nuovo consiglio comunale si è insediato e - come tradizione - a Monza dopo la pausa estiva (e soprattutto dopo il Gran Premio) riprendono le normali attività. Così che l'associazione HQMonza ha immediatamente chiesto aggiornamenti alla giunta guidata da Paolo Pilotto il merito al futuro della M5 a Monza. L'avvio della gara d'appalto era previsto per l'inizio del 2022 ma, ormai già nella seconda fase (avanzata) dell'anno, non c'è ancora traccia. 

Così che il sodalizio, che da sempre sollecita gli amministratori sul tema della mobilità in città, ha inviato a tutti i consiglieri comunali un'email per chiedere lumi su quel progetto della lilla fino a Monza di cui si parla da anni. 

"C’è un progetto e ci sono 1 miliardo e 300 milioni di fondi stanziati - si legge nella missiva -. Ma come sempre succede, siamo in fortissimo ritardo sul cronoprogramma e della gara d’appalto ancora non si parla". L'arrivo della metro nel capoluogo cittadino si fa sempre più urgente. Soprattutto in questo momento di profonda crisi energetica con spostamenti in auto che iniziano a pesare sul bilancio familiare. "Crediamo siano evidenti i motivi per i quali è fondamentale la realizzazione di questo asse di forza del trasporto pubblico dentro Monza e tra Monza e Milano - prosegue la lettera -. Vorremmo segnalare tre aspetti in più che pensiamo siano ignorati o sottovalutati. Per il forte rialzo del prezzo dei carburanti, i cittadini avrebbero urgenza di utilizzare meglio e di più i mezzi pubblici, ma dentro Monza e tra Monza e Milano l’offerta è decisamente inadeguata. Milano sta proseguendo nel suo programma di progressiva chiusura della città ai mezzi privati, specie quelli inquinanti, ed un nuovo step scatterà ad ottobre. La gente non ha soldi per rottamare la vecchia auto e comprarne una nuova, magari elettrica. I fondi statali stanziati, che sono suddivisi per annualità, rischiano di andare parzialmente o totalmente persi se non utilizzati entro le scadenze".

L'associazione chiede a tutti i consiglieri (sia quelli di maggioranza sia quelli di minoranza) un impegno concreto per sollecitare MM Spa (progettista), il comune di Milano (capofila) e regione Lombardia (PAUR finale previsto entro dicembre 2021) a concludere l’iter in corso.

Intanto giovedì sera il sindaco Paolo Pilotto, nel suo discorso di presentazione del mandato illustrato durante il consiglio comunale, ha ribadito "il dialogo e la collaborazione con Milano, un'amicizia che non metterà Monza in ombra. Ma importante su più piani: il parco, la Villa Reale e naturalmente la metropolitana". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Politici monzesi quando arriverà la M5 in città?"

MonzaToday è in caricamento