rotate-mobile
Sabato, 21 Maggio 2022
Attualità

I medici scendono in strada per intercettare e curare i senzatetto con l'epatite C

L'iniziativa dell'Asst Monza e Corpo italiano soccorso Ordine di Malta gruppo Monza Brianza

L'epatite C è una malattia infettiva molto diffusa ma per la quale oggi, grazie ai grandi passi in avanti fatti dalla scienza, c'è una cura. L'importante è intercettare i pazienti, soprattutto quelli più a rischio e che, molto difficilmente si rivolgerebbero in modo spontaneo al medico.

Da qui la decisione di portare il medico direttamente in strada, dalle persone senza fissa dimora o che sono ospitate nei dormitori. Medici in strada per "liberare" le strade di Monza da questa malattia. Questo l'obiettivo del progetto promosso dall'Asst Monza in collaborazione con il Corpo italiano soccorso Ordine di Malta  gruppo Monza Brianza. A partire dal 25 marzo alcuni medici e infermieri del reparto di Malattie infettive dell'ospedale di Monza usciranno dalla corsia e dagli ambulatori e saliranno sull'Unità di strada con i volontari del Cisom Monza e Brianza (medici, infermieri e soccorritori) e proveranno a intercettare quelle categorie a rischio (persone che in passato o ancora oggi assumono droghe). Proporranno test salivari per l'epatite C alle persone che vivono ai margini della società, ma anche a chi frequenta i dormitori. Se la persona risulta positiva all'epatite C viene accompagnata nel reparto di Malattie infettive del nosocomio monzese per la presa in carico. 

Il referente del progetto è il dottor Alessandro Soria. Oggi l'epatite C si può sconfiggere intraprendendo un percorso farmacologico che dura circa 3 mesi e che non presenta particolari effetti collaterali. 

Lo screening, l’aggancio al centro di cura (linkage to care), e il trattamento dell’epatite C in questi ambiti (Servizi per le dipendenze - SERD, carcere, unità di strada) rappresentano uno dei pilastri della strategia globale per l’eradicazione dell’epatite C, fatta propria anche dal Ministero della Salute e da Regione Lombardia.

“Da anni le Malattie Infettive di Monza - spiega il professor Paolo Bonfanti, Direttore dell’Unità operativa di Malattie Infettive della ASST Monza - si sono attrezzate per mettere in rete i servizi e portare le persone alla diagnosi e alla cura. La collaborazione con CISOM MB è un ulteriore tassello di questo difficile ma sfidante percorso”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I medici scendono in strada per intercettare e curare i senzatetto con l'epatite C

MonzaToday è in caricamento