rotate-mobile
Mercoledì, 18 Maggio 2022
Attualità Sant'Alessandro / Via Monte Santo

Dalla Brianza medicine salvavita per il bimbo ucraino bloccato sotto le bombe

Una storia a lieto fine

Quando una decina di giorni fa gli autisti ucraini sono rientrati a Monza dopo aver scaricato quintali di aiuti umanitari destinati ai bambini ospitati nell'orfanotrofio di Sokyriany, nella regione di Chernivtsi, è arrivata una particolare richiesta. Quella di una mamma che vive nel villaggio insieme ai suoi bimbi, uno di pochi anni gravemente malato e con seri problemi motori. La guerra sta rendendo impossibile anche l'arrivo dei medicinali e per il piccolino è fondamentale assumere un farmaco antiepilettico. Una medicina che, distribuita solo con prescrizione medica, in Ucraina è diventata merce introvabile. La mamma era disperata e ai connazionali che stavano rientrando in Italia con il furgone vuoto ha chiesto aiuto.

L'appello è arrivato direttamente a Monza, allo studio Gayatri di via Monte Santo, diventato ormai punto di raccolta e di invio degli aiuti umanitari in Ucraina. Ogni settimana dalla sede di San Rocco parte un furgone con almeno 4 quintali tra cibo, vestiti e farmaci. "Non appena mi è arrivata la richiesta mi sono subito attivato - spiega Natyan Gayatri -. I ragazzi ucraini, con i quali ormai c'è un rapporto di stima e di amicizia, mi hanno raccontato la disperazione di quella mamma che temeva di perdere il suo bambino non potendogli garantire quel farmaco che per lui è indispensabile". 

Natyan ha così fatto un appello sui social e grazie alla generosità delle persone e alla sensibilità di alcuni medici è riuscito a recuperare un carico di quel farmaco che coprirà 7 mesi di cura del piccolo. "Le persone si stanno dimostrando generose - prosegue -. Un mio contatto Facebook mi ha inviato direttamente i soldi per poter acquistare alcuni flaconi della medicina". 

Intanto nella scuola dove vengono insegnate discipline olistiche è un via vai di persone che consegnano aiuti. Un fiume di solidarietà che non finisce. L'ingresso occupato da scatoloni di cibo che ogni settimana vengono trasportati in Ucraina. Natyan e gli altri benefattori hanno poi deciso di "adottare" l'orfanotrofio di Sokyriany. Dopo le immagini della prima consegna il monzese si è preso a cuore il destino di quegli ottanta bambini e dei loro educatori che stanno vivendo il dramma della fame. Anche se la guerra non è arrivata al villaggio, nei negozi ormai scarseggia il cibo. Tra pochi giorni partirà il nuovo carico con un regalo speciale che Natyan ha voluto fare a tre bimbi che ha visto nelle immagini che sono arrivate dai volontari: due bambine e un ragazzino in evidente situazione di povertà che erano rimasti a bocca aperta davanti a uno scatolone pieno di biscotti, pane, e scatolame. "Mi si è stretto il cuore e per loro ho deciso di fare uno scatolone a parte, che si distingue dagli altri perchè c'è la loro foto, pieno non solo di cibo ma anche di vestiti". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dalla Brianza medicine salvavita per il bimbo ucraino bloccato sotto le bombe

MonzaToday è in caricamento