menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Quasi 20mila visitatori per la mostra City Booming a Monza

Adesso all'Arengario arriva la grande fotografia con la mostra "Leggere" di Steve McCurry

Sono stati quasi ventimila i visitatori che hanno ammirato la città in miniatura realizzata con oltre sette milioni di mattoncini Lego. Un numero di presenze record per l'esposzione che ha portato nel capolugo brianzolo 19.851 persone.

“Il boom di visitatori che ha fatto registrare Lego City Booming premia la nostra scelta di puntare sul pubblico delle famiglie durante il periodo delle feste natalizie: abbiamo offerto, così, un’occasione in più per scoprire Monza e le sue bellezze a quanti hanno preferito la nostra città per un momento di svago e di divertimento”, hanno detto il Sindaco Dario Allevi e l’Assessore alla Cultura Massimiliano Longo.

Ideata da LAB Literally Addicted to Bricks insieme a Giuliamaria e Gianmatteo Dotto Pagnossin, prodotta e organizzata da ViDi in collaborazione con il Comune di Monza, la mostra “City Booming Monza” è nata dalla fantasia di Wilmer Archiutti, fondatore di LAB, laboratorio creativo di Roncade in provincia di Treviso, che realizza forme e architetture con mattoncini che colleziona da oltre quarant’anni.

Tutto, in “City Booming”, corrispondeva al vero aspetto urbanistico di una città: dal centro commerciale alla fioreria, dalla pasticceria al negozio di giocattoli e a quello di animali, dall’enorme luna-park con tutte le annesse attrazioni, e ancora, dal quartiere residenziale con il barbiere, al negozio di costumi al cui interno si potevano trovare i principali personaggi dei cartoni animati della Walt Disney®.

Erano oltre 6000 le mini figure che abitavano gli edifici di “City Booming”; al loro interno, negli appartamenti, arredati e illuminati, i personaggi conducevano la loro vita privata; in ogni angolo dei palazzi, delle strade e degli edifici si nascondevano sempre curiose scene e particolari accadimenti.

In Arengario arriva la grande Fotografia con McCurry

L’Arengario si appresta ora ad accogliere, dal 17 gennaio al 13 aprile, Steve McCurry con“LEGGERE”, l’esposizione che presenta 70 immagini del fotografo statunitense, dedicate alla passione universale per la lettura, con persone còlte in ogni angolo del mondo nell’intimo atto di leggere.

Gli scatti sono stati realizzati dall’artista americano (Philadelphia, 1950) in quarant’anni di carriera e comprendono la serie che egli stesso ha riunito in un volume, pubblicato come omaggio al grande fotografo ungherese André Kertész, uno dei suoi maestri.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

L'Iss elenca uno a uno tutti gli errori della Lombardia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MonzaToday è in caricamento