rotate-mobile
Mercoledì, 26 Gennaio 2022
Attualità

Pizzaut conquista il Teatro del Verme e vince l'Ambrogino d'oro

Grande emozione questa mattina per la cerimonia di consegna delle benemerenza civica

Oggi Pizzaut è rimasta chiusa. La grande famiglia della prima pizzeria d'Europa gestita da persone autistiche è andata in trasferta a Milano, al Teatro del Verme. Erano emozionati, felici ed orgogliosi i ragazzi che - capitanati da Nico Acampora - sono stati premiati dal sindaco Beppe Sala.

Al loro fondatore è stato consegnato l'Ambrogino d'oro, la più prestigiosa benemerenza meneghina: a lui educatore napoletano trapiantato a Cernusco sul Naviglio, ma prima ancora marito e papà, il premio per aver dato vita a un progetto che oggi è diventato un modello e una speranza per tanti ragazzi autistici e per le loro famiglie.

Un premio alla lungimiranza, ma soprattutto alla tenacia di Nico Acampora che quattro anni fa ha iniziato a mettere insieme i tasselli di quel grande progetto di lavoro e di autonomia che l'1 maggio si è trasformato nella prima pizzeria Pizzaut a Cassina de' Pecchi, nel milanese.

Acampora, sostenuto dai familiari dei ragazzi autistici, e da un team di amici (virtuali e reali) che fin da subito hanno creduto nella validità del progetto (tra cui il gruppo Facebook EasyMonza) non si è arreso neppure al covid. Il locale di Cassina de' Pecchi doveva aprire i battenti nell'aprile 2020: l'emergenza sanitaria ha rinviato il taglio del nastro di un anno.

Nel frattempo Acampora ha "trasferito" la cucina su un truck e i ragazzi hanno potuto proseguire a preparare e servire quelle che ormai sono definite le pizze più buone della galassia conosciuta, nelle piazze di tutta Italia. Con trasferte anche a Roma davanti al Palazzo del Governo.

Settimana scorsa il via libera alla proposta di legge per sostenere le start up lavorative sociali: un'idea promossa proprio ispirandosi al modello di Pizzaut. 

E subito dopo le feste di Natale di nuovo al lavoro nell'attesa di poter aprire - nella seconda metà del 2022 - il secondo locale Pizzaut, questa volta a Monza. Poi al via con il franchising sociale affinché Pizzaut possa diventare un marchio di bontà (non solo per il palato) in tutta Italia e garanzia di lavoro e autonomia per tanti ragazzi autistici-. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pizzaut conquista il Teatro del Verme e vince l'Ambrogino d'oro

MonzaToday è in caricamento