Attualità

Da PizzAut non serve più prenotare (ma non tutti i giorni)

I ragazzi hanno superato la prova del servizio senza prenotazione

Prova superata: adesso da PizzAut il lunedì a pranzo si può andare anche senza prenotare. Lo “stress test” al quale ieri Nico Acampora ha sottoposto (a sorpresa) i suoi pizzaioli, camerieri e baristi speciali è stato brillantemente superato e da qui la scelta di aprire il ristorante pizzeria gestito da persone autistiche per il pranzo del lunedì senza prenotazione.

“Come ogni volta che facciamo una cosa nuova, e che si esce dalle zone di confort, qualcuno di quelli che sanno sempre tutto sull’autismo si innervosisce... e dice che sbaglio e che i ragazzi non ce la faranno, che rischio che vadano in crisi e bla bla bla... -  scrive il papà di PizzAut  sui social-. Invece  la prova è perfettamente riuscita. Ragazzi a loro agio, sereni, attenti, capaci e assolutamente sul pezzo. Ristorante pieno, anche con clienti non prenotati.  Tutti assolutamente soddisfatti e felici. Perché non solo sono speciali i miei ragazzi, ma forse sono speciali anche i miei clienti Il commento di Lorenzo, cameriere Aut è di una semplicità e di una bellezza rara: ‘quando io gli do la pizza, la pizza mica se ne accorge che non hanno prenotato e neanche io’. Da oggi tutti i lunedì a pranzo si potrà venire da PizzAut anche senza prenotazione”.

Un test per renderli più autonomi

“A Monza fin dall’apertura abbiamo optato proprio per la scelta delle prenotazioni sia a pranzo sia a cena - spiega Acampora a MonzaToday -. In questo modo i ragazzi sono più tranquilli e possono svolgere al meglio il lavoro sapendo quanti clienti via via arriveranno”. Una suddivisione per fasce orarie che, ad oggi, ha funzionato alla grande. Ma adesso Acampora ha deciso di fare un passo in più: di mettere alla prova i suoi ragazzi (20 di cui 3 assunti a tempo indeterminato e gli altri con tirocinio lavorativo retribuito) anche nella prospettiva di un futuro lavorativo nella ristorazione ma non da PizzAut. “Abbiamo deciso di iniziare il lunedì a pranzo perché è un giorno tranquillo – ha continuato -. Vediamo come va per poi capire come proseguire. Nel locale di Cassina de’ Pecchi ha funzionato e a pranzo l’accesso è anche senza prenotazione”. Un modo per aumentare, passo dopo passo, le competenze e le abilità di questi giovani lavoratori.

Staff sempre più bravo 

“A oltre due mesi dall’inaugurazione del locale i ragazzi hanno fatto passi da gigante - conclude -. Nei giorni scorsi il nostro barista ha imparato da solo anche a cambiare i fusti della birra. Un passo molto importante per la sua professionalità. Adesso vediamo come se la cavano con l’arrivo di clienti che non avevano prenotato. Il lunedì a pranzo dovrebbe essere un giorno più tranquillo: sono certo che i ragazzi supereranno alla grande anche questa prova aumentando le loro competenze, la professionalità e l’autonomia”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Da PizzAut non serve più prenotare (ma non tutti i giorni)
MonzaToday è in caricamento