rotate-mobile
Venerdì, 20 Maggio 2022
Attualità

La polizia locale presidia stazione e fermate degli autobus

La decisione del Pirellone

Il modello Lecco si estende a tutti i capoluoghi lombardi: agenti della polizia locale presidieranno le stazioni ferroviarie e nelle principali piazze di sosta degli autobus. Lo ha deciso nella giornata di oggi, martedì 10 maggio, il Pirellone. In aula è stato approvato un emendamento alla legge ordinamentale proposto dal consigliere brianzolo Alessandro Corbetta (Lega). 

“L’obiettivo - spiega Corbetta - è aumentare la sicurezza nelle stazioni lombarde, sia per quanto riguarda gli utenti che i lavoratori ferroviari, con il coinvolgimento della polizia locale”. Un modello che è già attuato in via sperimentale in provincia di Lecco grazie a un protocollo sottoscritto dall'assessore regionale alla Sicurezza Riccardo De Corato, dalla prefettura, dagli enti locali e dai gestori del servizio ferroviario. Corbetta vuole estendere la sperimentazione anche al resto della Lombardia. Quindi anche a Monza gli agenti della polizia locale verranno impiegati in stazione e nelle fermate più "delicate" degli autobus.

“Si discute molto su come incentivare l’utilizzo dei mezzi pubblici, anche per i relativi vantaggi ambientali, ma poi questi sforzi finiscono nel nulla se non miglioriamo la sicurezza dei luoghi e dei mezzi del trasporto pubblico - aggiunge Corbetta -. Studenti, lavoratori, donne devono sentirsi sicuri ad utilizzare i mezzi pubblici, altrimenti sceglieranno l’auto. Per questo di fronte a una richiesta sempre maggiore di sicurezza da parte dei nostri cittadini, regione Lombardia, pur non avendo competenze dirette in materia di sicurezza pubblica, deve fare tutto il possibile per aumentare il presidio dei luoghi più a rischio del nostro territorio. Con questo emendamento andiamo proprio in questa direzione, stimolando anche quei sindaci di centrosinistra che spesso utilizzano gli agenti di polizia locale più per fare multe che per potenziare la sicurezza urbana.”

Già in passato gli autisti (ma anche i passeggeri) delle linee monzesi ed extraurbane lamentavano lo stato della sicurezza sui mezzi. Con episodi di aggressioni fisiche e verbali nei confronti dei conducenti e dei controllori, oltre ad episodi di vandalismo proprio contro gli stessi mezzi. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La polizia locale presidia stazione e fermate degli autobus

MonzaToday è in caricamento