rotate-mobile
Attualità

Affamati e senza soldi: poliziotti offrono il pranzo alla famiglia in fuga dall'Ucraina

Il fatto è accaduto in un'area di sosta. Mancava poco alla destinazione, ma i genitori e i 3 bimbi non avevano soldi e cibo

Erano stravolti e affamati. Si era fermati per riposare un po'. E avevano scelto l'area di servizio Brianza, lungo la A/4. Mancava poco alla loro destinazione: soprattutto se quegli oltre 200 km mancanti per arrivare a Cuneo venivano paragonati agli oltre mille km macinati per scappare dalle bombe. Ma proprio l'ultima parte del viaggio era la più difficile. Perchè a farsi sentire non c'era solo la stanchezza, ma anche la fame e la sete, e il baule senza più scorte e il portafoglio senza soldi. 

Una storia carica di umanità quella che arriva dalla pattuglia della polizia di Stato della sottosezione di San Donato che ha incontrato e aiutato una famiglia ucraina diretta a Cuneo. Il fatto risale allo scorso 24 aprile, ma solo oggi il commissariato milanese ha deciso di renderlo noto. Durante i consueti controlli degli agenti della Polstrada, nell'Area di Servizio Brianza, situata lungo la A/4 gli agenti hanno notato due auto con targa straniera. Vicino alcune persone, tra cui tre bambini dall'apparente età tra i 3 e i 5 anni. I poliziotti si sono avvicinati. Difficile dialogare: i cinque non parlavano italiano. Ma sono riusciti ugualmente a spiegare agli agenti che erano una famiglia e che scappavano dall'Ucraina. Erano diretti a Cuneo. Nei loro occhi gli agenti hanno visto tanta paura, stanchezza e soprattutto fame. Ma anche il problema di avere finito le scorte e di non avere soldi. 

Gli agenti della Polstrada non ci hanno pensato due volte e hanno accompagnato quella famiglia che fuggiva dalle bombe all'intero dell'Area di sosta offrendo loro quel pranzo che ha ridato energia e speranza. Sui loro volti è ritornato il sorriso, soprattutto su quello dei bimbi. Un grazie immenso prima di rimettersi in auto e terminare quel lungo viaggio verso una nuova vita incominciato l'incrociando in Autostrada la generosità di due poliziotti italiani. 


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Affamati e senza soldi: poliziotti offrono il pranzo alla famiglia in fuga dall'Ucraina

MonzaToday è in caricamento