Lombardia, contraccettivi gratis per tutti i ragazzi under 24: la decisione del Pirellone

L'obiettivo è sostenere la prevenzione delle malattie sessualmente trasmissibili

Preservativi

Contraccezione gratuita fino ai 24 anni per i giovani nei consultori lombardi, sia pubblici sia privati accreditati. E' quanto prevede un ordine del giorno collegato all'assestamento di bilancio approvato lunedì 30 luglio dal consiglio regionale e presentato da Paola Bocci del Partito Democratico. L'obiettivo è sostenere la prevenzione delle malattie sessualmente trasmissibili e la procreazione responsabile.

Il testo invita la giunta regionale a prevedere, tra l'altro, che i giovani ottengano gratuitamente sia la consulenza di un medico o di una ostetrica sia il metodo contraccettivo più idoneo, compresi il preservativo, la pillola e tutti i farmaci con la stessa funzione.

"E' responsabilità delle istituzioni far di tutto sia per evitare le conseguenze tragiche di una malattia devastante come l'Hiv, siaper rendere i giovani più consapevoli delle proprie scelte, che non devono essere dettate dalla condizione economica", spiega Bocci: "Negli ultimi anni si è abbassata notevolmente la guardia sull'Hiv e ciò diventa un problema rilevante soprattutto per le giovani generazioni".

C'è stato poi un botta e risposta tra Bocci e l'assessore al welfare Giulio Gallera, che ha affermato che si tratta non di un impegno ma di un semplice invito: "Verrà preso in considerazione dalla giunta come tutti gli altri inviti arrivati con gli ordini del giorno". Pronta la replica di Bocci: "L'assessore deve attuarlo perché, nel testo approvato, si parla di impegno e non di invito. Non è che può essere tenuto o meno in considerazione".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il tema è servito invece a Michele Usuelli, consigliere regionale di +Europa e pediatra della Mangiagalli di Milano, per allargare il ragionamento e proporre che, quando si approveranno in futuro programmi di cooperazione con le nazioni più povere investendo risorse regionali, si leghino quei programmi all'erogazione a costo zero di farmaci contraccettivi. "Secondo l'Oms - ha commentato Usuelli - ogni anno 214 milioni di donne avrebbero voluto evitare la gravidanza ma non usavano alcun metodo contraccettivo".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, a Monza e Brianza 2.462 casi di Covid-19: 100 in più in un giorno

  • Al San Gerardo 20 ventilatori polmonari grazie alla donazione della famiglia Fumagalli

  • Monza, fingono di fare la spesa insieme per vedersi: scatta la maxi multa

  • Monza, città "silenziosa e deserta" nelle immagini riprese dal drone

  • Coronavirus, quando si azzerano i contagi a Monza e in Lombardia: le prime previsioni

  • Parrucchieri chiusi? Ecco come gestire la ricrescita

Torna su
MonzaToday è in caricamento