Ats della Brianza: in estate crescono gli accessi al pronto soccorso. Tutti i dati

Il Servizio di Epidemiologia ha raccolto e analizzando i dati, mostrando un trend in crescita. Quella del 2018 è stata una delle cinque estati più calde dal 1800

Immagine repertorio

Accessi in aumento lieve ma costante (+1% rispetto al 2017), incremento dell’età media delle persone e crescita della complessità assistenziale. Sono questi i segni particolari dell’estate 2018, la quinta più calda dal 1800 ad oggi, nei pronto soccorso attivi sul territorio di competenza dell’Ats Brianza.
 
"I dati sono stati raccolti e analizzati dal nostro servizio di epidemiologia e sono stati presentati la scorsa settimana nel corso dell’incontro del gruppo di miglioramento del pronto soccorso che da oltre un anno sta lavorando per individuare interventi finalizzati a ridurre gli accessi impropri ai Ps", spiegano il dottor Silvano Lopez e il dottor Oliviero Rinaldi, rispettivamente direttore sanitario e direttore sociosanitario dell’Agenzia di tutela della salute. 
 
"Assistiamo dal 2016 a un trend di crescita costante nel numero degli accessi al pronto soccorso da parte della popolazione residente – sottolineano Luca Cavalieri d’Oro ed Emanuele Amodio, epidemiologi dell’Ats – L’età media si attesa a quasi 46 anni, anche qui in leggera crescita rispetto allo scorso anno e a quello precedente: l’aumento dell’aspettativa di vita della popolazione si ripercuote anche sul pronto soccorso".
 
Tra il 2016 e 2018 è aumentata la complessità assistenziale media (codici gialli e rossi): quindi è cresciuto il carico di lavoro ma pure la difficoltà dei casi affrontati in pronto soccorso.
 
"Quanto alle giornate con maggiore numerosità di accessi, si evidenziano picchi il lunedì, cui segue un rapido decremento nei giorni successivi, senza che le strutture vadano in sofferenza – proseguono i due esperti – A luglio e ad agosto, in concomitanza con le ferie estive, gli accessi diminuiscono in quasi tutti i PS. Per quel che riguarda i tempi di attesa medi, in particolare i codici bianchi e i codici verdi, sono allineati al passato (di poco oltre l’ora) nonostante l’aumento del carico assistenziale. Infine abbiamo monitorato quotidianamente gli accessi e ed il bollettino Humidex in modo da anticipare eventuali disagi da calore e segnalare tutto prontamente alle Direzioni Sanitarie: per fortuna il caldo è stato importante ma senza notevoli picchi continuativi che configurassero vere e proprie onde di calore".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, ecco i 10 comuni brianzoli con più contagi

  • Atti osceni con una ragazza nuda in un giardinetto a Monza, multa da 10mila euro

  • Dove fare il vaccino anti-influenzale a Monza e in Lombardia: tutte le informazioni

  • Coprifuoco, centri commerciali chiusi nel weekend e didattica a distanza: le nuove misure anticovid in Lombardia

  • Bollettino coronavirus 21 ottobre, record di contagi: 4.126 in Lombardia e 671 a Monza e Brianza

  • "Stop a spostamenti e attività dalle 23 alle 5 in Lombardia": la proposta al governo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MonzaToday è in caricamento