rotate-mobile
Attualità Centro Storico

Centro "invaso" dai rifiuti, qualcosa non va: verso nuovi orari per la raccolta differenziata

L'amministrazione comunale sta valutando nuove ipotesi di organizzazione in collaborazione con le attività del del centro storico. Le modifiche potrebbero entrare in vigore da metà aprile

Questione riifuti: qualcosa a Monza non va. E dopo un primo periodo di sperimentazione di alcune settimane ora l'amministrazione comunale, con la collaborazione dei commercianti del centro, insieme all'impresa Sangalli è pronta a rimodulare l'organizzazione del servizio per rispondere alle necessità. 

Per la nuova modalità di raccolta di riifiuti introdotta a partire dal 1 marzo dal municipio riferiscono di aver verificato "reali criticità" per l'area del centro urbano e del centro storico. "Partendo da queste sono state ipotizzate alcune alternative più rispondenti alle esigenze della città" spiegano nella nota. "Da lunedì 28 marzo verrà avviata una campagna door to door per illustrare tali ipotesi alle oltre 1000 utenze commerciali del centro storico e verificare eventuali ulteriori esigenze".

Già venerdì mattina una delegazione composta da rappresentanti dell’amministrazione comunale e dell’Impresa Sangalli ha incontrato alcune categorie di esercenti. "Nel frattempo anche ANACI e Confcommercio sono state informate di queste ipotesi progettuali: laddove queste venissero accolte favorevolmente, le stesse potranno entrare in vigore già da metà aprile. Tutte le nuove modifiche saranno introdotte congiuntamente" spiegano dal palazzo comunale.

La nuova raccolta rifiuti e le polemiche

A pochi giorni dall'avvio della nuova modalità di raccolta differenziata erano state numerose le polemiche sollevate dai cittadini, anche attraverso i social. E le lamentele sono arrivate soprattutto in centro storico dove, durante la pausa pranzo, i negozianti espongono bidoni e sacchi che restano in bella vista per diverse ore, con passanti e clienti che si lamentano. Per supportare i cittadini era arrivata anche una app per invitare i monzesi a differenziare correttamente i rifiuti, per ricordarsi quando esporre sacchi e bidoni, per risolvere ogni dubbio su dove gettare il cartone della pizza, oppure la carta da forno. 

Junker, l'applicazione per smartphone, è un "assistente personale, che ricorda i calendari del porta a porta, guida gli utenti fino al punto di raccolta più vicino e li aiuta ogni giorno nel gestire meglio la raccolta differenziata - si legge sul sito di Monzapulita -. Junker app è un tutor intelligente, che riconosce i prodotti dal codice a barre o addirittura da una foto, e spiega come buttarli nel modo giusto distinguendo tutti i materiali che lo compongono.Basta scaricare gratuitamente l’app sul proprio smartphone (Android, Apple o Huawei) e accedere alle diverse funzioni (presto anche il mercatino del riuso e altre). Junker, che è tradotta in dieci lingue, è intuitiva anche per i non nativi digitali e accessibile ai non vedenti. Grazie a un database interno di oltre 1 milione e 700 mila prodotti, è la guida alla raccolta differenziata più accurata d’Europa".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Centro "invaso" dai rifiuti, qualcosa non va: verso nuovi orari per la raccolta differenziata

MonzaToday è in caricamento