menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Bonifiche e rifiuti, la Regione finanzia interventi dei Comuni: a Nova Milanese 35mila euro

Si tratta di interventi che, anche laddove spettino ai Comuni, devono essere finanziati a livello regionale

Sette milioni di euro dalla Regione Lombardia ai Comuni per bonificare aree contaminate e prevenire pericoli ambientali. Sono stati stanziati con due diverse delibere approvate dalla giunta regionale. Per le bonifiche sono destinati 3,6 milioni, in modo da "aiutare gli enti locali - spiega l'assessore all'ambiente Raffaele Cattaneo - a gestire una problematica oggettiva presente sul territorio come le aree che devono essere sottoposte a bonifica".

E' Buccinasco (Città Metropolitana di Milano) il Comune che riceve più stanziamento per le bonifiche, più della metà del totale ed esattamente 2,4 milioni di euro. 21 mila euro vanno a Rozzano, 35 mila a Nova Milanese (Monza-Brianza). Tra gli altri sette Comuni, citiamo gli oltre 400 mila euro destinati a Oltrona San Mamette (Como) e i quasi 230 mila euro per Redavalle (Pavia).

Per la prevenzione del rischio ambientale sono invece stati stanziati 3,3 milioni di euro. "Vogliamo evitare il verificarsi di fenomeni di pericolo ambientale e inquinamento, soprattutto dovuti alla presenza di rifiuti", spiega ancora Cattaneo. "Spesso le maggiori criticità ambientali riguardano la tipologia di materiale, la rimozione, il conferimento e la necessità di presidi strutturali".

In questo caso sono quattro i Comuni che otterranno lo stanziamento: Pogliano Milanese (Milano) avrà la fetta più grossa con 1,4 milioni di euro. Poi Voghera (Pavia) con 1,1 milioni, Vizzolo Predabissi (Milano) con 593 mila euro e Redavalle (Pavia) con 230 mila euro. Una specifica legge regionale prevede che, in caso di inottemperanza del gestore dell'impianto in esercizio, il provvedimento d'ufficio per l'attuazione delle misure di prevenzione e precauzione necessarie per minimizzare il rischio di contaminazione sia adottato dalla Regione o dalle Province, quali enti competenti all'esercizio delle funzioni amministrative sugli impianti di gestione rifiuti.

Per impianti cessati, non autorizzati o fattispecie non riconducibile agli impianti in esercizio, in caso di emergenze sanitarie o di igiene pubblica a carattere esclusivamente locale, le ordinanze contingibili e urgenti sono adottate dal sindaco, quale rappresentante della comunità locale, ma in entrambi i casi gli interventi sono finanziati dalla Regione.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Sicurezza

Come eliminare la puzza di fumo dalla tua casa

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MonzaToday è in caricamento