Sanità in Lombardia, Carretta: "Rivedere rapporti di forza fra strutture pubbliche e private"

Lo chiede il consigliere regionale Niccolò Carretta: “Una drastica modifica della legge regionale 23”

Repertorio

Una “drastica modifica” della legge sanitaria di Regione Lomardia, con una “revisione radicale” dei rapporti di forza fra strutture pubbliche e strutture private e convenzionate. Lo chiede il consigliere regionale di Azione Niccolò Carretta.

“Medicina territoriale con ospedali di comunità, reti sempre più fitte di assistenza socio-sanitaria realmente efficace e potenziamento del ruolo dei medici di base anche tramite una drastica modifica della legge regionale 23”, spiega Carretta.

“Occorre urgentemente – continua – una revisione radicale dei rapporti di forza tra strutture pubbliche e private accreditate con obiettivi chiari anche sul numero dei posti letto, sulle prestazioni meno remunerative e con un accreditamento vincolato al taglio delle “eterne” liste d’attesa”.

Il consigliere regionale bergamasco nel suo disegno di una nuova sanità per la regione, sta lavorando affinché il partito di Carlo Calenda, da lui rappresentato al Pirellone, assuma un ruolo di vera e propria “spina nel fianco” della Giunta Fontana anche perché si faccia parte attiva presso il governo per chiedere un aumento significativo delle borse di studio per gli specializzandi, medici praticamente non riconosciuti e che occorrono al sistema più di quanto si possa immaginare.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“L’obiettivo – conclude il consigliere bergamasco – è quello di stimolare un dibattito serio e costruttivo e che possa collaborare con proposte fattibili e concrete finalizzate al miglioramento della gestione della sanità nella regione più colpita d’Italia. Ribadire che le scelte fatte non si cambiano, che la sanità lombarda non ha problemi è sbagliato e irrispettoso nei confronti di tutti coloro che hanno subito le numerose inefficienze di cui abbiamo letto in questi mesi”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sulla Valassina, pirata della strada travolge coppia in moto: un morto e un ferito

  • Guida ubriaco e travolge moto uccidendo donna poi abbandona auto: arrestato 30enne

  • Ombrelli sopra il centro di Monza, ecco perchè la città si è coperta di verde

  • Ubriaco travolge coppia in moto sulla Valassina poi scappa: morta donna monzese

  • Misinto, aperto al traffico un nuovo tratto della provinciale Sp 152

  • Brugherio, mentre cena al ristorante l'auto da 50mila euro prende fuoco

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MonzaToday è in caricamento