Domenica, 21 Luglio 2024
Animali / Seveso

Merlino, il cane che ha vissuto per 13 anni dietro le sbarre del canile che è stato salvato dai brianzoli

Una vita di solitudine, ma anche di maltrattamenti: ecco la storia del meticcio adottato da una famiglia di Seveso

Nonno Merlino era destinato a spegnersi dietro a quelle sbarre del canile che, per 13 anni, sono state la sua casa. Aveva poche opportunità di avere una vecchiaia tra le coccole e l’attenzione di una vera famiglia soprattutto dopo quella malattia che gli aveva fatto perdere tutti i denti. Poi il miracolo: quando il cane, che arriva dal un canile del Sud Italia, è stato adottato da una famiglia di Seveso.

La sua è una storia fatta di sofferenza, culminata nella malattia. Poi la svolta quando la famiglia brianzola (che vuole rimanere nell’anonimato) ha deciso di adottarlo aprendogli le porte della casa e del cuore. Ma Merlino, alla fine, è diventato la mascotte di tutti i sevesini che hanno deciso di aiutare la famiglia adottante ad affrontare le importanti spese per l’intervento chirurgico al quale questo dolcissimo nonnino ha dovuto sottoporsi. Un intervento alla bocca che gli ha cambiato la vita in meglio. E domenica mattina Merlino è stato accolto come un vip al Bosco delle Querce dove si è svolta la passeggiata educativa, a conclusione del progetto di educazione cinofila “Dog Civic Education” curato da Simona Donghi e sostenuto dall’ufficio Ecologia Ambiente e Bosco delle Querce del Comune di Seveso.

Una camminata dopo tre serate di approfondimento con esperti sui temi legati al possesso di un animale domestico  a cui hanno partecipato una media di 60 persone e poi l’evento all’aperto di domenica mattina con 30 cani e i relativi padroni, un’occasione “sul campo” per fornire alcuni consigli su come abituare l’animale a comportarsi in pubblico. Accanto a Merlino e agli altri cani fortunati che hanno una famiglia che li ha accolti e li ama, ci sono anche tanti animali sfortunati. Grazie alla generosità dei partecipanti e agli sponsor (Monge e Babalu App) sono state donate le pappe per le colonie feline di Seveso.

“La  storia di nonno Merlino che ci tocca direttamente - ha ricordato il sindaco Alessia Borroni -.  In un momento dell’anno in cui purtroppo si parla tanto di abbandoni e quindi di superficialità e cattiveria delle persone, abbiamo deciso di portare agli onori delle cronache questa vicenda che si chiude in bellezza con una adozione. È stata così salvata la vita a un cane che nel corso della sua esistenza ha conosciuto solo sofferenze”. Il  Comune di Seveso ha aderito alla campagna contro l’abbandono degli animali promossa dall’Ente Nazionale Protezione Animali di Monza.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Merlino, il cane che ha vissuto per 13 anni dietro le sbarre del canile che è stato salvato dai brianzoli
MonzaToday è in caricamento