Attualità

Nell'azienda brianzola apre uno sportello LGBTI: alla ST la prima esperienza in Italia

Uno spazio di primo ascolto e di sostegno in modo riservato e gratuito. L'iniziativa

Uno sportello dedicato all'ascolto e al sostegno su tematiche Lgbt all'interno di una delle più grandi aziende brianzole, la ST Microelectronics. Una piccola "rivoluzione" arcobaleno che rappresenta la prima esperienza in Italia nata grazie a un'iniziativa della Fiom Cgil Brianza.

“Mettiamo a disposizione delle lavoratrici e dei lavoratori che operano all'interno di questa importantissima realtà industriale uno spazio di primo ascolto e di sostegno su qualsiasi tematica in ambito LGBTI+ in modo riservato e gratuito. Sarà uno strumento per contrastare qualsiasi tipo di discriminazione” annuncia Pietro Occhiuto, Segretario Generale della Fiom Cgil Brianza.
 
“L’importanza di uno sportello di ascolto e di informazione sulle tematiche LGBTI+ - continua Occhiuto - sta nel fatto che negli ultimi anni, fortunatamente, si è assistito ad un notevole impulso per il riconoscimento dei diritti, delle istanze e più in generale di ogni esigenza delle persone non eterosessuali. Nonostante questo però sono fortissime all'interno della società le discriminazioni che impediscono a quell'impulso di tradursi in diritti effettivamente esigibili. Lo Sportello è un passo avanti verso il riconoscimento e l’inclusione delle diversità e dei diritti”. 
 
A gestire l'operatività dello Sportello saranno alcuni rappresentanti sindacali aziendali della Fiom Cgil che, specificamente formate, saranno pronti ad ascoltare e dare supporto a chi si rivolge loro. 
 
"Lo sportello lo abbiamo chiamato Diritti al punto – racconta Lisa Agricola, rappresentante sindacale della Fiom Cgil all'interno di St e responsabile dello Sportello – perchè vogliamo mettere al centro della nostra azione il riconoscimento dei diritti per le persone non eterosessuali ed anche perchè siamo determinati a raggiungere questo obiettivo”. “Chi entra in questo spazio – prosegue Lisa Agricola - potrà parlare di sé senza pregiudizi, fare domande e raccontare se sta vivendo episodi di discriminazione anche e soprattutto in ambito lavorativo. Chi si rivolgerà a noi avrà a disposizione una rete di contatti per affrontare al meglio anche questioni legate a coming-out, consapevolezza di sé, omogenitorialità e tutti i dubbi o le problematiche relative all'orientamento sessuale all'identità di genere”. 
 
Per accedere allo sportello ci sarà un indirizzo mail dedicato ed anche un numero di telefono.  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nell'azienda brianzola apre uno sportello LGBTI: alla ST la prima esperienza in Italia

MonzaToday è in caricamento