Insultata perché è napoletana: costretta a lasciare il lavoro e andare via da Monza

Stefania Castiglione ha denunciato di aver lasciato la città dopo l'ennesimo insulto

Stefania Castiglione (da NapoliToday)

"Una guida turistica napoletana ha deciso di chiudere la sua attività perché stanca delle minacce e degli insulti a sfondo razziale". A denunciarlo, come riportato da NapoliToday, è il consigliere regionale campano dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli, e lo speaker Gianni Simioli de La radiazza di RadioMarte che hanno raccolto lo sfogo di Stefania Castiglione che ha raccontato di essere stata costretta a chiudere la sua agenzia di guida turistica a Monza perché veniva costantemente presa di mira con intimidazioni e minacce a sfondo razziale nei suoi confronti. "Sono stata costretta a lasciare l'attività e, fino a oggi, mi stanno dando pieno sostegno tanti napoletani che vivono a Monza, ma non posso continuare" ha detto la guida turistica che ha ricevuto anche la solidarietà di Dario Allevi, sindaco della città brianzola.

"Il sindaco di Monza e l’assessore alla cultura della città brianzola dimostrino, con i fatti, che la loro solidarietà a Stefania Castiglione è concreta e non solo di facciata, chiedendo a tutte le strutture che hanno chiuso le porte in faccia alla guida napoletana e alla sua associazione di riaprirle immediatamente" hanno aggiunto Borrelli e Simioli per i quali "il clima di violenza che si sta creando in Italia porta anche conseguenze del genere e tanti napoletani che vanno al Nord per lavorare si ritrovano a dover fare i conti con il razzismo come successo a Stefania".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Il paradosso di questa vicenda è che da una parte abbiamo alcuni imprenditori come Brambilla che accusano i napoletani di non voler fare nulla perché antropologicamente refrattari al lavoro e al pagamento delle tasse e dall'altra quando una donna di Napoli lavora con successo al Nord viene minacciata e costretta a chiudere l’attività per motivi razziali" hanno concluso Borrelli e Simioli.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, ecco i 10 comuni brianzoli con più contagi

  • Atti osceni con una ragazza nuda in un giardinetto a Monza, multa da 10mila euro

  • Dove fare il vaccino anti-influenzale a Monza e in Lombardia: tutte le informazioni

  • Coprifuoco, centri commerciali chiusi nel weekend e didattica a distanza: le nuove misure anticovid in Lombardia

  • Bollettino coronavirus 21 ottobre, record di contagi: 4.126 in Lombardia e 671 a Monza e Brianza

  • "Stop a spostamenti e attività dalle 23 alle 5 in Lombardia": la proposta al governo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MonzaToday è in caricamento