Identificare i casi di Covid grazie all’intelligenza artificiale: uno studio da Vimercate al Canada

Sono tre gli studi clinici elaborati dalla Asst di Vimercate durante la gestione della crisi sanitaria del Covid. Tra questi un progetto che vede due professionisti dell’ospedale di Vimercate partner scientifici di un progetto internazionale

Tre studi clinici che coinvolgono la Asst di Vimercate e la gestione dell’emergenza coronavirus. Tra questi anche un importante progetto che vede due professionisti dell’ospedale di via Santi Cosma e Damiano partner di un progetto internazionale innovativo. 

Si tratta di Giuseppe Vighi, Direttore della Struttura di Medicina Generale e del Dipartimento internistico Specialistico, e Mauro Venegoni, suo collaboratore che sono stati invitati, dall’Università di Ottawa, in Canada, ad essere partner scientifici di un progetto internazionale, che si prefigge di identificare precocemente i casi di COVID-19 utilizzando l’Intelligenza Artificiale e strumenti di Machine Learning.

Alla ricerca parteciperanno specialisti da tutto il mondo, sulla base della loro esperienza nel corso dell’emergenza da coronavirus. Quella dei due specialisti dell’Ospedale di via Santi Cosma e Damiano (gli unici italiani invitati a dare un contributo al progetto) è la conferma, spiega Vighi, di come “l’esperienza della ASST di Vimercate sia stata tenuta in grande conto dai colleghi canadesi, per l’approccio e la gestione dell’epidemia di COVID 19 nei mesi scorsi”.

Gli altri due studi (conclusi) hanno visto, nel corso del periodo segnato dall’emergenza da coronavirus, la partecipazione della struttura di Anestesia e Rianimazione, diretta da Giorgio Gallioli. Per la prima ricerca, promossa dall’Università di Milano Bicocca, sono stati “arruolati” 23 pazienti con diagnosi di polmonite Covid-correlati che hanno avuto la necessità di supporti ventilatori non invasivi. I risultati della ricerca che ha coinvolto oltre all’Ospedale di Vimercate altri 37 centri ospedalieri, sono compresi in un lavoro in via di pubblicazione sulla prestigiosa rivista scientifica internazionale JAMA (Journal of the American Medical Association).

Anche il secondo studio è stato multicentrico. Promosso dall’Università degli Studi di Milano, ha coinvolto le terapie intensive lombarde e arruolato quasi 1600 malati Covid, lì ricoverati. “Oltre ad approfondire la conoscenza sui pazienti che hanno richiesto cure intensive, con diverse tipologie di ventilazione – spiega il primario - sono stati anche illustrate la caratteristiche demografiche e cliniche dei malati arruolati, stimate le incidenze, descritto l’outcome dalla terapia intensiva e dall’ospedale”. I dati raccolto per questo secondo studio sono stati raccolti in lavoro in via di pubblicazione sempre sulla rivista JAMA.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Lombardia dice addio alla zona rossa? Fontana: "Vicini ad allentamento delle misure"

  • È a Monza uno dei migliori ristoranti d'Italia secondo il Gambero Rosso

  • La pensione di dicembre e la tredicesima arrivano il 25 novembre: la novità in Brianza

  • C'è una prof. brianzola tra le cento donne più influenti al mondo

  • Salute Donna e il San Gerardo piangono la morte di Licia, l'infermiera dal cuore buono

  • A due ore d'auto da Monza, in Valmalenco, un ghiacciaio che ricorda l'Islanda

Torna su
MonzaToday è in caricamento