Il cantiere si apre agli umarell: ecco la terrazza "panoramica" per seguire il cantiere

Succede a Melzo dove gli Umarell potranno seguire i lavori di ristrutturazione di Cascina Galbani

Operai al lavoro all'interno della cascina

Mani dietro la schiena e sguardo fisso sul cantiere. Non dietro una brutta rete arancione (che peraltro ostacola la visuale), ma su una vera e propria terrazza costruita ad hoc. Succede a Melzo dove i lavori di ristrutturazione della Cascina Galbani, luogo che ha dato i natali alla celebre azienda casearia, sono diventati un vero e proprio evento per anziani e non.

Il "belvedere umarell" è stato creato dall'impresa che è impegnata nella riqualificazione dell'immobile, ristrutturazione finanziata con tre milioni stanziati da Teem. Un belvedere creato per garantire la sicurezza di tutti, sia per i curiosi che altrimenti si sarebbero accalcati vicino alla recinzione, sia per gli operai che lavorano all'interno del cantiere. Terrazzo ma non solo, è stato creato anche un info-point con tanto di pannelli informativi che riassumono le vicende di Cascina Galbani, censita sui mappali catastali sin dall’epoca di Maria Teresa d’Austria, e illustrano anche come diventerà l'edificio una volta finita la ristrutturazione.

belvedere umarell-2

Foto - La terrazza per seguire i lavori

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Cascina Galbani e la ristrutturazione

A fine dell'800 fu la prima fabbrica della Galbani. In quella cascina di Melzo Egidio Galbani attivò la prima produzione su scala industriale di formaggi a pasta molle. Fu subito un successo, tanto che nel 1911 l'opificio si rivelò così inadeguato ai volumi di produzione imposti dal mercato da costringere l’imprenditore, nativo della Valsassina, a concentrare l’attività in un'altra sede. E dopo il momento di massimo splendore iniziò il lento declino. I lavori erano iniziati ad agosto 2019 e a inizio anno si sono fermati per la pandemia di coronavirus. I lavori dovrebbero terminare entro i primi mesi del 2021 quando l'impresa dovrebbe riconsegnare l'ex opificio (allo stato di rustico) al municipio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Lazzate, uomo trovato cadavere in via Enrico Fermi: indagano i carabinieri

  • Tumore al pancreas in stadio avanzato: operazione "unica" all'ospedale di Vimercate per una donna

  • Le meraviglie di Monza celebrate in televisione, in città le riprese della Rai

  • Trovato morto a 47 anni Alessandro Catone, il "Porco schifo" di YouTube

  • Il maltempo fa paura a Monza: prevista acqua a secchiate e grandine

  • Ombrelli sopra il centro di Monza, ecco perchè la città si è coperta di verde

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MonzaToday è in caricamento