Attualità

Bandiera arcobaleno sulla facciata del Comune: scoppia la polemica

Succede a Villasanta alla vigilia dell'evento del Brianza Pride previsto in paese

La bandiera arcobaleno sulla facciata del Municipio di Villasanta

Sulla facciata del Comune di Villasanta sventola la bandiera arcobaleno. Scoppia la polemica e il caso finisce anche in consiglio comunale con una mozione firmata dalla Lega e dalla lista civica "Casiraghi sindaco" che chiedono che la bandiera arcobaleno venga ritirata.

Nella settimana del Brianza Pride, che proprio nella giornata di mercoledì 30 giugno prevede un appuntamento a Villasanta, sulla facciata del municipio brianzolo è apparsa la bandiera arcobaleno. Una nota di colore che non è passata inosservata agli occhi dell’opposizione.

Immediata la denuncia sui social da parte dei consiglieri della Lega Federico Cilfone e Antonio Cambiaghi. “Ho immediatamente protocollato una mozione d’urgenza da discutere nel consiglio comunale di questa sera (mercoledì 30 giugno, ndr) - dichiara Cilfone -  Preciso che non siamo contro nessuno. Ma non ci sembra corretto che la bandiera arcobaleno sventoli sulla facciata del Comune. Il Municipio è un luogo istituzionale che rappresenta tutti i cittadini. Non tutti i villasantesi abbracciano il pensiero arcobaleno”.

Il Carroccio tira poi in ballo anche la normativa. In un post sulla pagina Facebook della Lega di Vilassanta si ricorda che “La normativa attualmente vigente in materia (L. 22 del 5 febbraio 1998 nella fattispecie "Disposizioni generali sull’uso della bandiera" e  D.P.R. 7 aprile 2000, n. 121  nella fattispecie "Regolamento recante disciplina dell'uso delle bandiere della Repubblica italiana e dell'Unione europea da parte delle amministrazioni dello Stato e degli enti pubblici") non ne prevede l’esposizione”. 

La Lega di Villasanta già in passato aveva espresso posizione contrarie alla scelte dell’Amministrazione di centro sinistra guidata dal sindaco Luca Ornago  in tema di comunità Lgbt. “Il nostro gruppo ha già manifestato la contrarietà all'adesione della rete RE.AD.Y e agli eventi Pride che avranno luogo sul nostro territorio proseguono - prosegue - Siamo pronti a chiedere la rimozione della bandiera in oggetto in quanto viola la libertà d'espressione di tutti i cittadini, costituzionalmente garantita dall'articolo 21, oltre a parteggiare solo per una parte di popolazione. Il Comune è di tutti anche di chi non sposa tale causa e per tanto deve restare equo ed imparziale”. 

Sulla vicenda è intervenuta immediatamente l’associazione Brianza Oltre l’Arcobaleno. “La legge non ammette ignoranza - si legge sulla pagina Facebook dell’associazione in merito alla denuncia della Lega di Villasanta - Basterebbe consultare il vademecum del cerimoniale della Repubblica Italiana per comprendere che l’esposizione di una bandiera qualunque associazione è fattibile da qualunque Comune. È vietata esporla sul pennone, accanto a quelle ufficiali, ma non subito sotto”.

Intanto mercoledì 30 giugno nel cortile di Villa Camperio si svolgerà un evento inserito nella rassegna Brianza Pride: alle 19.45 aperitivo e concerto, alle 21.30 proiezione del film “Due” la vicenda della difficoltà a fare coming out.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bandiera arcobaleno sulla facciata del Comune: scoppia la polemica

MonzaToday è in caricamento