Come distinguere un'allergia dal Coronavirus

Difficoltà respiratorie, congiuntivite, naso che cola: ecco come distinguere un'allergia dai sintomi del Covid-19

Bastano i primi caldi, perché si scatenino le allergie. Secondo le stime, tra il 10% e il 20% degli italiani soffrono di disturbi causati dal polline: bruciore e prurito agli occhi, naso chiuso o che cola, difficoltà respiratorie. Col Coronavirus ancora (abbondantemente) nell'aria, però, ecco che il dubbio sorge spontaneo: come si distingue il Covid-19 da una semplice allergia?

I sintomi a cui prestare attenzione

Innanzitutto, è bene sapere che i sintomi in comune sono sostanzialmente due: la tosse e la congiuntivite.

Il sintomo a cui prestare più attenzione, però, è l'asma: se non viene curata, contrarre un'altra infezione può avere conseguenze molto serie. Ecco dunque che seguire le terapie prescritte (in genere a base di antistaminici e cortisonici nasali) diventa fondamentale. Se poi i farmaci che di solito fanno effetto sembrano non funzionare - o se a tosse, starnuti e fiato corto si dovesse associare anche la febbre - chiamare il medico di base è opportuno. Al contrario, non dovrebbero preoccupare raffreddore acquoso e lacrimazione profusa. Se non hai mai sofferto di allergie, e dovessero comparire i sintomi di una rinite allergica, consulta il medico curante: ti prescriverà la terapia che riterrà più opprtuna. E informalo nel caso in cui dovesse arrivare la febbre, o se i sintomi non dovessero alleviarsi.

Ma essere allergici espone maggiormente al rischio di contrarre il virus? Se si soffre di allergie o di un'asma lieve, no. Chi soffre di un'asma sufficientemente seria da richiedere quotidianamente una terapia farmacologica, invece, deve prestare molta attenzione alle complicazioni che il Covid-19 potrebbe causare. E dovrà contattare immediatamente il medico in caso di difficoltà respiratoria progressiva. 

La mascherina peggiora l'allergia?

Se sei allergico e temi la mascherina, poiché hai paura che possa peggiorare la tua asma, ti può essere utile il vademecum stilato dall’Associazione Allergologi Immunologi Territoriali e Ospedalieri (AAIITO):

  • non vi sono evidenze scientifiche che una mascherina possa peggiorare la respirazione delle persone allergiche
  • la mascherina aiuta a proteggersi dal polline, riducendo la sintomatologia allergica
  • le persone allergiche possono tranquillamente usare mascherine chirurgiche o di stoffa

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • In vacanza in Romagna vince 500.000 €: il proprietario del bar la riaccompagna in Brianza

  • Grande caldo e temporali: a Monza scatta l'allerta meteo della protezione civile

  • Omicidio in Brianza, strangola la moglie a letto e finge caduta: donna muore in ospedale

  • Un malore lo sorprende: muore a 43 anni Gianluca De Martino, volto noto del calcio giovanile

  • Tragico tuffo in piscina mentre è in vacanza: 40enne batte la testa e muore

  • Coronavirus, vacanze o viaggi all’estero e "quarantena": ecco le regole fino al 7 settembre

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MonzaToday è in caricamento