I rimedi naturali contro i piccoli inconvenienti delle vacanze

Punture di insetti, colpi di calore, disturbi gastrointestinali: ecco come porre rimedio ai più comuni inconvenienti che durante una vacanza possono accadere

Foto di silviarita da Pixabay

Sei in partenza per le vacanze, magari coi tuoi bambini, e stai già pensando a come affrontare i piccoli inconvenienti che durante un viaggio possono capitare? A correre in tuo aiuto è la Waidid, la World Association for Infectius Deseases and Immunological Disorders. 

L'associazione ha stilato i rimedi naturali più efficaci da applicare in caso si soffrisse di disturbi piccoli e comuni, durante le proprie vacanze. 

Le punture da insetto. Soprattutto se si va in campeggio, o si fanno attività a contatto con la natura, essere punti da un insetto non è così infrequente. Cosa fare, ad esempio, in caso di una puntura di vespa? Dopo aver eliminato il pungiglione, se non si presentano gravi sintomi che inducono a correre al pronto soccorso, è possibile applicare sulla puntura un cucchiaino di bicarbonoto di sodio miscelato con un po' d'acqua, da lasciare agire qualche minuto per poi sciacquare con acqua fredda; in alternativa, si può lasciare agire per 20 minuti un cubetto di ghiaccio o - ancora - del limone o dell'aceto, capaci di neutralizzare il veleno. Se si viene punti da una zecca, invece, è bene toglierla subito con una pinzetta, ruotandola, per poi fare attenzione ai sintomi che si potrebbero presentare.

I colpi di calore. Quando c'è troppo sole o il caldo si fa eccessivo, un colpo di calore non è un'eventualità così rara (soprattutto per i bambini e per gli anziani). Cosa fare se si presenta? È necessario portare la persona in un luogo fresco: sdraiata e con le gambe sollevate, questa andrà spogliata e ventilata (con un ventilatore, o con un phon sul getto freddo), strofindando le sue estremità con una soluzione salina alcolica ghiacciata. Bisognerà poi farle bere acqua a piccoli sorsi e, se fatica a riprendersi, portarla subito in ospedale.

La diarrea del viaggiatore. Specie se si viaggia all'estero, in Paesi in cui l'acqua è contaminata, è possibile che si presenti la temuta diarrea del viaggiatore. In genere, il problema si risolve da solo nel giro di pochi giorni. È comunque utile portarsi da casa dei probiotici, e bere molti liquidi magari inserendo nell'acqua un po' di limone. In alternativa, si possono consumare succhi di frutta e tè tiepidi, evitando di fare pasti completi ma preferendo crackers salati e brodo vegetale.

Le reazioni da contatto. Tra gli inconvenienti più frequenti che al mare possono accadere, vi sono le reazioni da contatto causate dalla puntura di una medusa. Come porvi rimedio? Disinfettando la "ferita" con acqua di mare e bicarbonato, e applicandovi poi un gel a base di cloruro d'alluminio (da portare sempre con sé!). Assolutamente sconsigliato grattare, sfregare, utilizzare pinzette e applicare ammoniaca, limone, aceto, alcol o ghiaccio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rapina donna in metro, passante (brianzolo) lo insegue e lo blocca con un pugno in faccia

  • Si spoglia nudo e si masturba davanti a una donna al Parco di Monza: 40enne denunciato

  • Tragedia in Croazia, uccide la moglie poi si suicida: la coppia era originaria di Monza

  • Coronavirus, due casi positivi all’asilo: tampone per tutti i bambini di due sezioni

  • Tragico schianto in moto a Bienno: muore motociclista brianzolo

  • Cesano Maderno, bimbo positivo al covid: tampone e "quarantena" per tutta la classe

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MonzaToday è in caricamento