rotate-mobile
Lunedì, 8 Agosto 2022
MonzaToday

Chiccart: conto alla rovescia per l'inaugurazione del primo showroom dell'arte

Apre a Concorezzo la galleria d'arte Chiccart Collection, luogo d'incontro dell'arte contemporanea

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di MonzaToday

Nasce dall'idea di Francesca Castellano lo showroom di arte contemporanea Chiccart Collection che vedrà sin dall'inizio l'esposizione delle opere di numerosi artisti contemporanei che ha scoperto durante il suo percorso artistico, il cui cammino è iniziato dapprima in veste di collezionista privata nel 2015 e successivamente in qualità di promotrice di giovani artisti emergenti. La sua passione per la Pop e la Street Art la porta a percorrere un ideale itinerario con l’obiettivo di realizzare una nuova concezione di esposizione d’arte trasformandola in galleria online di matrice social che ha riscosso subito l'interesse del pubblico di settore oer poi sfociaare in numerose collaborazioni che hanno visto protagonista la sua promozione artistica, passando dal Fuori Salone di Milano alla Settimana della Moda. Dal mondo virtuale e social a quello reale, il passo è stato breve e “obbligatorio” dando vita allo Showroom Chiccart Collection, che sarà anche un luogo di ricerca di artisti che meglio esprimono il contesto artistico, storico/contingente in cui quest’arte riesce ad esprimersi al meglio. L'inaugurazione, e l'apertura al pubblico dello Showroom di arte contemporanea, è programmata per il 24 giugno p.v, a partire dalle 18:00, in via Libertà 155 a Concorezzo (MB), con la presenza di numerosi esponenti dell'arte contemporanea e sponsorizzato da Artedile S.n.c. e vedrà la presenza di numerosi artisti tra cui Sara Arnaout, Bruno Bani, classe 1964, nell'adolescenza si dedica inizialmente alla fotografia e collabora, in qualità di fotografo, con musei, gallerie d’arte e archivi d’artista, organizzazioni culturali, riviste e case editrici. Dal 2006 si affianca all’interesse per la fotografia quello per la pittura a cui, presto, aggiunge la sperimentazione con la luce. Tra le mostre personali si segnalano quelle presso la Alson Gallery e Galleria Statuto13 a Milano, l’Hotel Baglioni di Londra, la Galleria Bottegantica di Bologna, la Galleria l’Incontro di Chiari (Brescia) e la Galleria Arte ‘92 di Milano. Nel 2021 espone con una mostra itinerante presso la galleria Toro Arte Contemporanea di Sessa Aurunca e nel suggestivo Castello di Fumone, Frosinone e con una personale nel cuore di Milano durante la settimana della moda presso la Galleria Il Castello. Nel 2022 espone, insieme a Bernard Aubertin a Malaga nella bi-personale “Fuego y Luz”. Partecipa con le sue opere ad alcuni eventi per il Fuori Salone del Mobile nel 2018 a Milano. I suoi lavori sono stati esposti in alcune tra le più importanti fiere d’arte contemporanea in Italia e all’estero. Daniele Falanga, Rodolfo Guzzoni, Hipo, il quale racconta che, ossessionato dall'arte e dalla voglia di sperimentare dipinge le sue prime opere su tavole di legno e svariati supporti già negli anni '90, nel 2000 inizia il suo percorso di studi presso l'Istituto d'Arte a Catania dove negli anni ha conseguito il diploma di maestro d'arte e design ed è proprio in ambito scolastico che all'età di 14 anni, nel 2001, ebbe i suoi primi approcci con i graffiti. Inizialmente si aprì dinnanzi a lui un mondo completamente nuovo: il mondo dell'Hip Hop, con regole e codici di strada dove ogni artista ha un suo tag che sia un Dj, un braker o graffitaro, ed è in quel momento che coniò il suo nome d'arte Hipo. In poco tempo inizia a devastare i muri della città con pezzi "graffiti" e firme "tag" illegalmente e a essere conosciuto acquistando il rispetto nelle strade e tra gli artisti di graffiti, in generale nella scena Hip Hop di Catania. Dopo un breve periodo e qualche piccolo problema con la legge dovuto ai graffiti inizia a dipingere le sue prime tele e muri legali lavorando a svariate commissioni come in scuole private, aziende, campi da rugby, negozi ecc.. Ad oggi dopo più di 20 anni ha realizzato centinaia di opere e venduto a livello nazionale e internazionale, dipinto dal vivo in svariati contest graffiti, giornate dedicate all'arte e esposizioni in Canada e Italia "Art Parma 2021" e "Arte Padova 2021" tramite Chiccart dove possiamo trovare tutt'ora presenti le sue opere in galleria. Paolo Pastorino, Davide Maria Seme, artista taliano attivo sin dal 2003 dipinge sia su muro che su tela. Si avvicina alla cultura hip-hop del suo territorio, dove cresce e apprende assimilando molte tecniche. Partecipa a svariate jam inizialmente con uno stile 3d in murata con altri writer, poi sviluppare la tecnica stencil. Dal mondo hip hop all’Accademia di Belle Arti di Catania fino alla scoperta dell’universo dei grandi miti classici che si ritrovano nei suoi ultimi lavori sviluppati su cartoncino e con influenze street pop. Applica nei suoi lavori svariati temi di stampo contemporaneo e politico alternati al suo pensiero sulla società moderna. Le sue opere contengono domande e punti di vista su fatti quotidiani e contemporanei. Stencil art e spray art sono sicuramente le tecniche preferite, applicate su supporti urbani quali segnali stradali, legno, cartone, pietra. Zive, giovanissimo artista Pop e Street Art nato a Milano dove frequenta il liceo artistico Umberto Boccioni Nasce con la passione per i graffiti che realizza in ambiente urbano e suburbano evolve la sua passione su altri supporti spaziando dal cartoncino al compensato, dal multistrato alla tela con dimensioni e tecniche varie. Si concentra nella realizzazione di un progetto a lungo meditato creando il suo favoloso Ciclo Money in cui l'artista eclettico e creativo raffigura concettualmente il potere dei soldi "Money" in tutte le sue declinazioni. Vastissimo è il suo ventaglio creativo che esplora con curiosità ed originalità passando da Diabolik ai Supereroi, dai cartoons contemporanei ai grandi classici come Paperone e Paperino. Parallelamente alle opere del ciclo Money si dedica alla realizzazione di assemblaggi pittorici su supporti scultorei personalizzandoli con i suoi cromatismi creando i Custom body e materiali originali come l'utilizzo dei LED come i “Shining Body”. Opere, queste, collocabili nella sua personale concezione di urban art per cui il lavoro di Zive può essere inteso sia outdoor che indoor. 2Fast: nato a Zagabria, capitale della Croazia, dopo aver terminato la Scuola d'Arte Applicata e Design, inizia a lavorare come grafico e illustratore, oggi è membro della Società croata degli artisti indipendenti (HZSU) e dell'Associazione croata degli artisti di Artisti di Belle Arti Applicate (ULUPUH). Dal 1988 si dedica al graffiti writing (nick name 2Fast) divenendo uno dei fondatori della scena graffitista croata. Partecipa a numerose mostre e jam session nazionali e internazionali. Costantemente alla ricerca di nuove forme, mosse e tecniche, esplorando media e materiali. Da anni trasforma i graffiti di strada in oggetti tridimensionali che penetrano superfici bidimensionali facendoli apparire sospesi nel movimento di curvatura e rotazione, formando a loro volta dimensioni rotazione all'interno di una dimensione insolita e innovativa di graffiti artistici. 2Fast appartiene al ristretto gruppo di graffitari che non ha incanalato le proprie frustrazioni giovanili e il suo potenziale in un rapido e frivolo vandalismo della proprietà pubblica, piuttosto ha terminato la Scuola d'Arte Applicata e Design e ha iniziato a lavorare come designer all'età di 18 anni, trovandosi quindi dall'altra parte della barricata adottatando il pensiero di artisti con una formazione accademica, come Keith Haring o Jean-Marie Basquiat, noti per aver trovato ispirazione nella cruda energia creativa dei dilettanti della graffiti-art e adottare le forme estetiche e gli elementi stilistici del genere. Inoltre sarà esposta una selezione di opere realizzate da Getulio Alviani, Bernard Aubertin, Franco Costalonga, Ennio Finzi, Marcolino Gandini, Edoardo Landi e Alfredo Rapetti. FB: Chicca Art Instagram: Chiccart.collection Sito Web (in costruzione) : www.chiaccartcollection.com

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Chiccart: conto alla rovescia per l'inaugurazione del primo showroom dell'arte

MonzaToday è in caricamento