Cronaca

A scuola di legalità: premiati i giovani monzesi

Martedì 8 giugno la cerimonia in Questura

Alcuni degli studenti premiati

Una mattinata con gli agenti della Polizia di Stato. Un’esperienza che certamente non dimenticheranno alcuni studenti delle scuole monzesi Don Milani e Walter Bonatti che martedì 8 giugno sono stati ricevuti dal questore di Monza, dal dirigente e dagli agenti della Divisione Anticrimine.

Durante la visita hanno ricevuto premi e attestati per la partecipazione al concorso “PrentenDiamo Legalità”.

L’iniziativa è inserita nell’omonimo progetto che è giunto quest’anno alla quarta edizione ed è stato realizzato dal Ministero dell’Interno – Dipartimento della Pubblica Sicurezza - in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca.

L’obiettivo è sensibilizzare le nuove generazioni al senso della legalità, al rispetto delle regole sia nella vita reale, sia in quella (sempre più diffusa tra i giovani) virtuale. Una lezione per riflettere sui valori della Costituzione italiana alle basi dello sviluppo dei futuri cittadini.

I ragazzi hanno partecipato al concorso con la presentazione di elaborati sui temi dell’abuso di sostanze alcoliche e stupefacenti, la devianza giovanile, la lotta al terrorismo ed alla criminalità organizzata di stampo mafioso, i concetti di giustizia e legalità, il cyberbullismo, il dark web, il revenge porn. Gli elaborati sono stati valutati e premiati a livello provinciale e nazionale.

Gli studenti delle elementari hanno presentato temi e disegni, quelli delle medie fumetti con protagonista il commissario Mascherpa, personaggio del graphic novel ad episodi edito in esclusiva sul mensile ufficiale della Polizia di Stato, “Polizia Moderna”, – nonché video o spot.

A ricevere i premi, tra cui una pergamena firmata dal questore ed alcuni gadget della Polizia di Stato, sono stati quattro alunni della II A della scuola media Bonatti che hanno realizzato lavori individuali, e la classe e I A della don Milani che, invece, ha presentato un elaborato di gruppo.

All’evento, nel corso del quale gli alunni sono potuti salire sulle vetture della Polizia di Stato, ha partecipato anche Massimo Canclini, referente per la Legalità, l’Educazione Civica e Protezione Civile dell’Ufficio Scolastico Regionale Lombardia, e le insegnanti referenti del progetto (Annalisa De Stefano e Monica Ruscitti).

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A scuola di legalità: premiati i giovani monzesi

MonzaToday è in caricamento