Abbazia di Seregno, il priore ha dato improvvisamente le dimissioni

Nessuna avvisaglia: il greco Kiskinis è tornato in patria, ufficialmente per motivi familiari

Dom Kiskinis a Seregno (foto Francesco Viganò, abbaziadiseregno.it)

E' il secondo priore in due anni a "scappare", per così dire, dall'abbazia benedettina di Seregno. Dom Leo Kiskinis, poco più di 40 enne, di origini greche, era stato nominato priore nel 2012, in sostituzione di don Luigi Gioia. E' dal 1884 che i monaci benedettini Olivetani sono presenti a Seregno, mentre risale al 1895 la consacrazione della chiesa.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La "fuga" è stata giustificata, con una lettera, da motivi familiari che l'hanno spinto a tornare nella sua Salonicco. Ma prima di lui anche don Luigi Gioia se n'era andato improvvisamente.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, ecco i 10 comuni brianzoli con più contagi

  • Atti osceni con una ragazza nuda in un giardinetto a Monza, multa da 10mila euro

  • Dove fare il vaccino anti-influenzale a Monza e in Lombardia: tutte le informazioni

  • Coprifuoco, centri commerciali chiusi nel weekend e didattica a distanza: le nuove misure anticovid in Lombardia

  • Covid, si rischia un nuovo lockdown? "Non ci sono più strumenti per contenere i contagi"

  • Coronavirus, focolaio all'ospedale di Carate Brianza: 14 operatori positivi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MonzaToday è in caricamento