Venerdì, 22 Ottobre 2021
Cronaca

L'acqua torna a zampillare a Monza, si riaccendono tutte le fontane

Manutenzione e interventi di pulizia per riportare l'acqua in tutte le undici fontane della città, dal centro ai quartieri, in tempo per il Gran Premio

L’acqua torna a zampillare nelle fontane monzesi. Da Largo Mazzini a piazza Roma, ai piedi dell’Arengario, fino ai quartieri cittadini: dalla prossima settimana le undici fontane della città torneranno ad accendersi.

L’amministrazione comunale ha predisposto interventi di pulizia straordinaria e sostituzione delle apparecchiature guaste per far tornare l’acqua in tutte le fontane in tempo per il weekend del Gran Premio d’Italia. 

“Il patrimonio delle fontane in città, che si trovano quasi tutte al centro delle nostre piazze rendendole più belle e più vive, è molto esteso e quindi necessita di manutenzioni continue sia edili che impiantistiche, oltre che di carattere elettrico e idraulico", spiegano il Sindaco Dario Allevi e l’Assessore ai Lavori Pubblici Simone Villa. Il rapporto di Monza con l’acqua va oltre il Lambro. Anche le fontane, piccoli e grandi ”gioielli”, in alcuni casi poco conosciute, parlano di questo legame stretto e antico. Per questo investire sul loro funzionamento significa investire sull’identità della città oltre che sull’arredo urbano”.

Il piano di manutenzione interessa le fontane di piazza Castello, largo Mazzini, via D’Annunzio, piazza Trento e Trieste, piazzale della Stazione, via Cortelonga, la fontana delle Rane in piazza Roma, via Gaslini, viale Sicilia, piazza Bonatti e piazza Indipendenza. I lavori hanno riguardato il controllo delle alghe, le superfici, l’edilizia e i meccanismi guasti, dalle pompe agli ugelli, dai filtri alle guarnizioni.

Le attività di gestione e manutenzione, per un investimento totale di 60mila euro fino al 31 dicembre, comprendono il controllo del regolare funzionamento attraverso sopralluoghi settimanali presso ogni fontana e, in caso di segnalazioni o richieste, interventi entro sei ore. Ogni settimana squadre dedicate provvederanno a rimuovere foglie secche, cartacce, lattine, bottiglie e sacchetti di plastica e tutto ciò che viene gettato nelle vasche. Sono previsti controlli periodici per la pulizia di griglie e filtri, l’analisi dell’acqua per tenere monitorati i valori di Ph (acidità o basicità dell’acqua) e cloro e la somministrazione dei prodotti antialghe e anticalcare. Ogni due mesi le fontane saranno svuotate per effettuare interventi più «strutturali» come lo smontaggio dei filtri, la pulizia degli ugelli, il controllo delle luci, la sostituzione delle lampadine bruciate e la verifica della «tenuta» idrica delle vasche stesse.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'acqua torna a zampillare a Monza, si riaccendono tutte le fontane

MonzaToday è in caricamento