Domenica, 17 Ottobre 2021
Cronaca Seregno

Schiaffo a un giocatore al termine di una partita tra il Seregno e l'Olginatese

E' accaduto domenica pomeriggio nella cittadina brianzolo dove si giocava il match di serie D contro i bianconeri: ad essere aggredito da alcuni tifosi del Seregno il giocatore Giovanni Arioli

E' stata una partita accesa quella della serie D di domenica pomeriggio allo stadio "Ferruccio" di Seregno tra la squadra cittadina e i rivali dell'Olginatese finita 1 a 2.

La tensione è salita quando alcuni componenti della tifoseria brianzola hanno fatto esplodere vicino agli spogliatoi degli avversari un fumogeno ma la situazione è degenerata a fine partita quando uno schiaffo ha raggiunto il giocatore dell'Olginatese Giovanni Arioli.

L'aggressione è avvenuta fuori dagli spogliatoi e a colpire Arioli sarebbero stati due ragazzi, che i carabinieri hanno già individuato, riconducibili alla tifoseria del Seregno.

?Dopo le scuse ufficiali della società arrivate domenica sera per bocca dell'addetto stampa Fabio Mariani la questione si è fatta controversa.

Al momento dell'aggressione inevitabile è stato l'intervento dei carabinieri presenti alla partita.

Successivamente però non è stato possibile procedere per punire il gesto in quanto, trattandosi di un luogo deputato allo sport ed essendo lo schiaffo arrivato nel postpartita e nelle adiacenze dello stadio, solo in seguito a regolare denuncia-querela presentata dal giocatore ai carabinieri si potrà procedere penalmente contro gli autori del gesto.

Al momento l'unica soluzione adottata per condannare l'accaduto è stata la segnalazione al questore di Milano che procederà in termini amministrativi a sanzionare con un provvedimento di Daspo, cioè di diniego di assistere a manifestazioni sportive, i due autori.

Nel pomeriggio di martedì è attesa la decisione del giocatore Giovanni Arioli che deciderà se sporgere denuncia contro ignoti. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Schiaffo a un giocatore al termine di una partita tra il Seregno e l'Olginatese

MonzaToday è in caricamento