Cronaca

Botte all’addetto della sicurezza del market per una bottiglia di vino da 5 euro

La violenta aggressione a Monza. Nei guai due 20enni: insieme a loro anche una 16enne

E’ entrato all’interno di un supermercato in piena notte, ha scelto dagli scaffali una bottiglia di vino da cinque euro e si è diretto alla cassa. Ma al momento del pagamento l’addetto alla vigilanza del market lo ha fermato, spiegando che in orario notturno, come da ordinanza comunale, non era possibile acquistare alcolici.

E nonostante la comprensione iniziale, il ragazzo - 20 anni - poi ha scelto di portare comunque via la bottiglia, nascondendola sotto la giacca e utilizzando una via di uscita secondaria. A quel punto, una volta fermato dalla guardia, ha aggredito l’addetto alla sicurezza colpendolo al volto fino a lasciarlo sanguinante.

La violenta aggressione

Alle 5.30 di sabato 19 febbraio in seguito a numerose richieste di intervento giunte alla sala operativa della questura sul posto sono giunte diverse volanti che hanno trovato l’uomo ferito e poco lontano hanno rintracciato e fermato tre giovanissimi: due ventenni e una ragazzina sedicenne coinvolti nella vicenda. L’addetto alla sicurezza è stato accompagnato in codice giallo all’ospedale San Gerardo mentre i tre sono stati condotti negli uffici della questura dove la ragazzina è stata riaffidata ai genitori mentre il personale della Divisione Ufficio Polizia Anticrimine ha approfondito gli accertamenti a carico dei due maggiorenni.

“Sussistendo i presupposti normativi, e la pericolosità per la pubblica sicurezza nei loro confronti il Questore di Monza e della Brianza, Marco Odorisio, ha applicato la misura di prevenzione del Foglio di Via Obbligatorio ex art. 2 del D.lgs. n. 159/2011, vietandogli il ritorno nel comune di Monza, rispettivamente per 3 anni ed 1 anno” spiegano dagli uffici di via Montevecchia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Botte all’addetto della sicurezza del market per una bottiglia di vino da 5 euro
MonzaToday è in caricamento