Lunedì, 18 Ottobre 2021
Cronaca

"Ho una bomba nello zaino", terrore sul treno

Si è trattato di un falso allarme. Denunciato un 60enne di Lodi per procurato allarme e interruzione di pubblico servizio

"Ho una bomba nello zaino". Una frase è bastata a terrorizzare il capotreno a bordo di un convoglio Trenord giovedì sera, intorno alle 18.30 sul treno Milano-Bergamo, a ridosso della Brianza. 

Un uomo nel corridoio ha sussurrato queste parole all'addetto di Trenord che immediatamente, cercando di non allarmare i pendolari che affollavano le carrozze, ha dato l'allarme alle forze dell'ordine. Il treno è stato fatto fermare a Pioltello e sono state attivate tutte le procedure di sicurezza previste: a bordo sono saliti i carabinieri della compagnia di Cassano d'Adda che hanno immediatamante cercato il sospettato che nel frattempo si era chiuso in bagno, determinato a non uscire e a non dare alcuna spiegazione. I militari lo hanno raggiunto e, a mezza voce, l'uomo ha confessato di aver detto una bugia e di non avere con sè nessuna bomba.

Con sollievo i carabinieri hanno appurato che si era trattato solo di un falso allarme e nei confronti del mitomane, un 60enne di Lodi, si è proceduto con una denuncia per procurato allarme e interruzione di pubblico servizio. I passeggeri, che erano stati evacuati durante le operazioni di sicurezza, sono risaliti a bordo e hanno potuto proseguire il viaggio. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Ho una bomba nello zaino", terrore sul treno

MonzaToday è in caricamento