menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Siamo già allo stremo", dagli ospedali il grido di allarme degli infermieri

"I ritmi sono insostenibili, gli infermieri non ce la fanno più. È davvero demoralizzante ricevere il messaggio di un collega di sessant’anni che piange perché non riuscirà a reggere questa seconda ondata" spiega Donato Cosi, segretario provinciale NurSind

Ricoveri che di giorno in giorno crescono e ritmi massacranti. Il NurSind, il sindacato degli infermieri di Monza e Brianza, lancia l'allarme sulla situazione negli ospedali della Asst di Monza. Telefonate, messaggi e richieste da parte di infermieri stremati che chiedono immediatamente rinforzi quelle ricevute da Donato Cosi, segretario provinciale della categoria. 

“Fa male ricevere certi messaggi dai colleghi che lavorano in trincea – spiega Donato Cosi – Sabato ho ricevuto i messaggi di un infermiere che doveva seguire dieci pazienti Covid con la C-Pap. I ritmi sono insostenibili, gli infermieri non ce la fanno più. È davvero demoralizzante ricevere il messaggio di un collega di sessant’anni che piange perché non riuscirà a reggere questa seconda ondata”. In quella che è ormai la seconda provincia in Italia per numero di contagi secondo quanto comunicato dalle direzioni sanitarie la situazione è sotto controllo. Dai reparti e dalle terapie intensive però le voci di chi ogni giorno si ritrova a vivere sulla propria pelle l'incubo del covid sembrano essere diverse, come rileva il NurSind. 

“Nel fine settimana sono aumentati i numeri di pazienti intubati o che hanno dovuto ricorrere allo scafandro - prosegue Donato Cosi – Gli infermieri sono pochi, sottoposti a turni massacranti, reduci da una prima ondata dalla quale non hanno mai avuto la possibilità di riprendersi. Anche agli infermieri inizia a mancare il respiro, non per il covid ma per il lavoro sempre più in affanno e soprattutto senza prospettive di rapidi arrivi dei rinforzi. Noi ce la stiamo mettendo tutta, ma in queste condizioni e con la curva pandemica in aumento è a serio rischio la possibilità di fornire la giusta assistenza a tutti i pazienti”.

Dal sindacato ora la richiesta è quella di conoscere i numeri relativi alla categoria, agli infermieri in servizio presso la Asst di Monza: quelli impiegati nella terapia intensiva e nei rapporti covid, compreso il dato del rapporto risorsa e numero di pazienti seguiti. E ancora quanti sono gli infermieri che verranno trasferiti all'ospedale in Fiera e quanti assunti. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Cinque cose insolite da vedere in Brianza

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MonzaToday è in caricamento