Scoperto un allevamento abusivo di conigli a Seregno: sanzioni al proprietario

Una quarantina di conigli tra cui alcuni cuccioli sono stati trovati in un'abitazione privata a Seregno: l'intervento dell'Enpa in collaborazione con un veterinario dell'ASL e il Corpo Forestale dello Stato

Galline e conigli in una abitazione privata.

Nulla di strano se non fosse che questi erano davvero tanti, troppi, e detenuti in gabbie pronti per essere ceduti ai clienti. Un vero e proprio allevamento abusivo di conigli è stato scoperto dall’Enpa, grazie alla collaborazione di un veterinario dell'ASL e il Corpo Forestale dello Stato in una casa privata a Seregno.

Nel disordine più totale di un locale annesso erano stipati una quarantina di conigli detenuti in pessime condizioni igienico-sanitarie. Glianimali si trovavano in gabbie con fondo a grata così minuscole da non riuscire a muoversi né a coricarsi e il locale era privo di un sistema di aereazione e maleodorante per le scarse attenzioni igieniche.

Dopo il sopralluogo svolto dal Nucleo Anti Maltrattamenti dell’Enpa con l’ausilio un veterinario dell'ASL del il Corpo Forestale dello Stato il proprietario, un italiano di 75 anni, si è giustificato dicendo che allevava i conigli per uso personale. A confermare i dubbi che i volontari già avevano è stata la presenza di alcune gabbie vuote presenti nella casa: all’uomo, che ha promesso di sistemare tutto, sono state comminate una serie di sanzioni amministrative.

I 12 conigli che erano nelle condizioni peggiori sono stati ritirati: nelle gabbie degli agli altri è stata disposta della paglia fresca e sono stati tolti i divisori, permettendo agli animali di disporre di uno spazio decisamente più ampio. Il proprietario ora ha dieci giorni di tempo per mettere tutto a norma, aerare il locale e portare i conigli dal veterinario: a monitorare la situazione ci penserà l’Enpa di Monza che ha inviato al sindaco del comune brianzolo anche una comunicazione per verificare l'applicazione del regolamento di igiene.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I conigli ritirati, tutti giovani, sono stati portati nella vecchia struttura di via Buonarroti a Monza e visitati: soffrono di atrofia muscolare e sono affetti da coccidiosi (parassiti intestinali). Tre sono stati ritirati dall'associazione Animare Onlus di Limbiate (MB) (sito web www.animareonlus.it). Sono tutti di razza New Zealand, sono docili e dopo le cure del caso saranno messi in adozione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, ecco i 10 comuni brianzoli con più contagi

  • Con il prof. Riva lezioni in lingua: in classe si parla solo in latino

  • Atti osceni con una ragazza nuda in un giardinetto a Monza, multa da 10mila euro

  • Dove fare il vaccino anti-influenzale a Monza e in Lombardia: tutte le informazioni

  • Coprifuoco, centri commerciali chiusi nel weekend e didattica a distanza: le nuove misure anticovid in Lombardia

  • Covid, si rischia un nuovo lockdown? "Non ci sono più strumenti per contenere i contagi"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MonzaToday è in caricamento